Iccrea finalizza con il Gruppo Todisco un'operazione per complessivi 13 milioni di euro

Destinatarie dell'operazione 3 società del Gruppo Todisco: la veneta B&C Prodotti Chimici SrL, la Società Chimica Bussi SpA, importante realtà abruzzese e la friulana Caffaro Green Chemicals SrL

Il Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea è protagonista di un’operazione per complessivi 13 milioni di euro a beneficio del Gruppo Todisco. Il Gruppo Todisco, importante azienda italiana con sede a Pisa e cliente della Banca di Pisa e Fornacette, opera nel settore della chimica di base attraverso uffici, stabilimenti e depositi su tutto il territorio nazionale.

Il finanziamento di 13 milioni di euro è riservato per una tranche da 10 milioni di euro alla società B&C Prodotti Chimici, azienda che si occupa di stoccaggio e commercializzazione nell’area Nord Est, mentre i restanti 3 milioni di euro saranno destinati al sostegno degli investimenti della Chimica Bussi e della Caffaro Green Chemicals. L’operazione di finanziamento vede coinvolta Iccrea BancaImpresa in qualità di arranger e la partecipazione nel pool di Banca Annia, Banca Patavina e BCC Pordenonese e Monsile, oltre a Cassa Centrale Raiffeisen.

La Società Chimica Bussi, importante polo produttivo abruzzese, è proprietaria di uno stabilimento industriale di circa 230.000 mq., all’interno del quale sono localizzati gli impianti produttivi di chimica di base (linea cloro-soda), detergenza (linea Eureco come cloro-soda), produzione di energia elettrica (con n. 2 centrali idroelettriche operative) e un’area destinata al trattamento delle acque (che entrerà in funzione entro il 2020). I prodotti realizzati dalla Chimica Bussi trovano impiego in numerosi settori, tra i quali il farmaceutico, l’alimentare e la detergenza.

La Caffaro Green Chemicals invece è un’azienda friulana che ha come attività principale la produzione della cloro-paraffina - utilizzata per la produzione di candele, lubrificanti, isolanti elettrici, olii, creme per bambini - che l’azienda del Gruppo vende per il 50% all’estero e per il 50% in Italia. L’azienda si pone inoltre come ulteriore obiettivo quello della produzione e commercializzazione di plastificanti e compound che rispettino l’ambiente, a vantaggio quindi di filiere produttive sempre meno legate all’uso del petrolio.

"Nonostante gli impatti negativi generati dal Coronavirus sul tessuto imprenditoriale italiano . commenta Donato Todisco leader dell’azienda - il Gruppo Todisco, grazie anche al sostegno del Gruppo Iccrea, ha saputo rispondere con dinamicità e propositività alla crisi. Mai come oggi siamo consapevoli dell’importanza di continuare ad investire per consolidare il nostro posizionamento sul mercato domestico e garantire, al tempo stesso, una produzione che rispetti fondamentali percorsi di sostenibilità ambientale".

"In un periodo di emergenza sanitaria senza precedenti - ha dichiarato Carlo Napoleoni, Direttore Generale di Iccrea BancaImpresa - siamo consapevoli che è fondamentale essere accanto alle eccellenze italiane che si occupano del settore chimico, in special modo quando vengono adottate misure a tutela della sostenibilità, oggi elemento necessario per la competitività aziendale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto dal 16 gennaio: prosegue lo stop agli spostamenti tra regioni

  • Toscana zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 16 gennaio

  • Bonus mobili 2021, come ottenere le detrazioni: i requisiti

  • Coronavirus in Toscana: 379 nuovi casi positivi

  • Coronavirus, le palestre GimFive in protesta: anche a Pontedera struttura aperta il 15 gennaio

  • Pisa S.C., vicina la svolta: il magnate russo Knaster vuole acquistare il club

Torna su
PisaToday è in caricamento