Giovedì, 16 Settembre 2021
Economia Pratale / Via Paparelli

Mercato di via Paparelli: Anva contro il consorzio 'Mercato di Pisa alta qualità'

L'Anva Confesercenti di Pisa si schiera contro il nuovo consorzio, reo per l'associazione di agire per propri interessi in concorrenza con lo stesso mercato di via Paparelli. Al centro del contendere un'iniziativa commerciale per la domenica delle Palme

Anva Confesercenti all'attacco del consorzio 'Mercato di Pisa alta qualità', nato nel settembre 2014 per iniziativa di alcuni ambulanti di via Paparelli. Materia del contendere è il mercato straordinario che si terrà la domenica delle Palme il 29 marzo: il nuovo consorzio vuole intraprendere in quella giornata un'iniziativa di vendita al Porto di Marina, mentre gli altri commercianti di via Paparelli terranno il mercato straordinario come accade da due anni a questa parte. "In questo modo il consorzio conferma quanto da noi sempre sostenuto – tuona il presidente Anva Pisa Roberto Luppichini – e cioè che tale consorzio non è nato per fare gli interessi del mercato di via Paparelli. Mai però ci saremmo aspetti che si arrivasse addirittura a fargli concorrenza!". 

Luppichini spiega i passaggi precedenti alla vicenda: "La domenica delle Palme, come ormai dal lontano 1986 dopo il trasferimento del mercato da piazza San Paolo a via San Francesco e via Buonarroti, il mercato si svolge in forma straordinaria prima di Pasqua, dando a tutti la possibilità di parteciparvi. Quest'anno cade il 29 marzo e i responsabili del Consorzio Alta Qualità cosa fanno? Chiedono di svolgere una manifestazione commerciale a carattere straordinario al Porto di Marina di Pisa nella stessa data, in aperta concorrenza con il mercato nel quale, non solo loro, operano per 104 giorni all'anno".

"Ora ci è ancora più chiaro il perchè, da un po' di tempo a questa parte, proprio i componenti del consorzio dimostravano contrarietà allo svolgimento del mercato straordinario per le Palme in via Paparelli". Una condotta per Confesercenti lesiva non solo degli interessi strettamente locali. Continua infatti Luppichini: "Non crediamo che selezionare gli operatori per andare su altre piazze e, peggio ancora, in altri comuni a danneggiare i colleghi che là operano e che di questi tempi sappiamo con quali risultati economici, sia il massimo che può proporre una associazione di categoria. E tanto meno un consorzio il cui nome sembra voler sminuire la professionalità dei colleghi".

La logica conseguenza è l'opposizione di Anva all'iniziativa intrapresa dal consorzio 'Mercato Alta Qualità': "Noi sappiamo – conclude Luppichini – quale deve essere il nostro ruolo. Come abbiamo sempre dato battaglia ai vari 'Consorzi del Forte', coerentemente faremo la stessa cosa verso tutti gli altri che fregiandosi del 'blasone dell'alta qualità' discriminano i colleghi dello stesso mercato ove operano. Sarebbe quindi opportuno che l’amministrazione comunale riflettesse sull’opportunità di concedere il via libera ad una iniziativa in palese concorrenza con il mercato straordinario di via Paparelli. Il rischio infatti è il proliferare di iniziative del genere promosse da un numero esiguo di operatori che, evidentemente, pensano ai propri interessi e non a quello complessivo del commercio ambulante a Pisa".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mercato di via Paparelli: Anva contro il consorzio 'Mercato di Pisa alta qualità'

PisaToday è in caricamento