Mercoledì, 17 Luglio 2024
Economia

Turismo giù, dati allarmanti: netto calo di arrivi e pernottamenti

Il turismo a Pisa e provincia ha subito un brusco calo nei primi 9 mesi del 2012: solo nel periodo gennaio-settembre si sono registrati 18 mila arrivi e 75 mila pernottamenti in meno rispetto al 2011

Periodo nero per il turismo di Pisa e provincia, che  nei primi nove mesi del 2012 segna un -7%, soprattutto per il calo delle presenze italiane, mentre in generale l'elaborazione statistica della Provincia evidenzia un calo superiore al 2% nel periodo gennaio-settembre con 18 mila arrivi e 75 mila pernottamenti in meno rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

"La crisi si è fatta sentire - spiega l'assessore provinciale al Turismo Salvatore Sanzo - e si è manifestata con un calo della domanda italiana (-26 mila presenze) e straniera (-48 mila presenze) - ma a livello regionale è mancata un'adeguata promozione del territorio". Secondo Sanzo la Toscana non può più vivere di rendita come una volta e necessita di adeguate politiche di sostegno al turismo, di risorse che invece scarseggiano e che non bastano a coprire il fabbisogno. "Eppure - sottolinea - questo settore a Pisa riguarda un quinto dei contratti di lavoro sottoscritti in un anno, numeri che dimostrano quanto sia importante e quanto sia necessario sostenerlo".

Nel dettaglio, tra i principali mercati esteri, si segnala la flessione dei turisti provenienti da Germania (-2,7%), Olanda (-18,6%), Francia (-5,2%), Belgio (-10,4%) e Usa (-6%), a fronte di un aumento delle presenze di inglesi (+7,1%), svizzeri (8,3%), polacchi e in generale dei mercati scandinavi. Particolarmente negativi sono stati i risultati del mese di giugno (-5,3%), di agosto (-6,3%) e di settembre (-7,7%).

Ne risentono soprattutto gli alberghi (con 57 mila pernottamenti in meno) con un calo generalizzato per tutte le categorie, fatta eccezione per i 3 stelle che registrano solo una lieve flessione (-0,4%): Sempre più brevi anche i soggiorni che si attestano a 3,5 giorni di media.

"Deve farci riflettere anche il dato dei flussi aeroportuali - conclude Sanzo - visto che il Galilei è il terzo in Italia per autonoleggi. Ciò significa che gran parte di coloro che arrivano lo scelgono per le tariffe low cost, ma pianificano altrove le loro vacanze".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turismo giù, dati allarmanti: netto calo di arrivi e pernottamenti
PisaToday è in caricamento