Sit-in di Diego Petrucci alla Cittadella Galileiana: "Dove sono spariti i soldi della Regione?"

Il candidato capolista di Fratelli d'Italia alle prossime regionali interviene sulla vicenda del mancato finanziamento per il Museo di Galileo

Domani, martedì 8 settembre alle 11, davanti alla Cittadella Galileiana di Pisa, Diego Petrucci, candidato capolista di Fratelli d'Italia nel collegio di Pisa, convoca la stampa e i pisani per denunciare la vicenda del mancato finanziamento per il Museo di Galileo e interrogare la Regione.
“Un minuto di raccoglimento per solidarietà con Eugenio Giani e Antonio Mazzeo per non aver potuto partecipare all’inaugurazione del Museo di Galileo, a Pisa”, interviene così Diego Petrucci, candidato al Consiglio regionale di Fratelli d’Italia, sulla denuncia dell’assessore alla Cultura di Pisa in relazione alla promessa non mantenuta dalla Regione Toscana di finanziare l’ultima fase dei lavori per completare la Cittadella Galileiana.

“Giani e Mazzeo - prosegue il capolista di Fratelli d’Italia - che vogliono far credere ai pisani che grazie a loro e a Enrico Rossi la Toscana sia il paradiso terrestre, hanno perso l’occasione di intestarsi un’altra opera strategica per Pisa. Un’opera che, secondo quanto ha spiegato l’assessore Pierpaolo Magnani e secondo quanto risulta da atti, delibere, conferenze stampa strombazzate, avrebbe dovuto essere uno dei risarcimenti alla città di Pisa dopo lo scippo dell’aeroporto”. “Mancano invece 2 milioni e 500 mila euro che dal 2019 il Comune di Pisa chiede e sollecita alla Regione. Vogliamo sapere che fine hanno fatto quei soldi che derivano dal cospicuo incasso delle azioni Sat che hanno dato il via alla privatizzazione dell’aeroporto. Nell’ultimo sollecito, dalla Regione hanno detto a Magnani che per via del Covid erano in difficoltà. Ma per regalare ai consiglieri regionali rimborsi fasulli durante il lockdown per trasferte a Firenze mai fatte - rincara Petrucci - la Regione è stata solerte nonostante il Covid”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“In questo caso - aggiunge - anche Mazzeo, che ha sempre una parola per tutto, si è distratto”. “Adesso lo vediamo scrivere lettere al ministro Franceschini per chiedere finanziamenti per proseguire gli scavi all’anfiteatro di Volterra che sinora è andato avanti non certo grazie a lui, ma per il merito di bravi funzionari della Soprintendenza che non si lasciano incantare da una pacca e una promessa”.  “Ma chi vogliono ancora prendere in giro? - attacca Diego Petrucci - sulla stampa del 2014 si legge che a gennaio 2015 sarebbe stato pronto il museo dedicato a Galileo. Vista la loro propagandata capacità di incidere su Rossi e sulle decisioni della Regione, chiediamo ai consiglieri regionali del PD se hanno avuto modo di informarsi”. Petrucci conclude: “Martedì mattina alle 11 sarò davanti alla città Galileiana per un sit-in per chiedere alla Regione che fine hanno fatto i 2 milioni e mezzo spariti, invito tutti i pisani a essere presenti!”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana, crescono i contagi: 755 nuovi positivi

  • Una delle pizzerie più buone d'Italia: Gusto al 129 premiata da Gambero Rosso

  • Si diplomano e vengono assunti nell'azienda dei loro sogni

  • Coronavirus, 581 nuovi casi in Toscana: un decesso a Pisa

  • Coronavirus in Toscana: 906 nuovi casi, 133 a Pisa

  • Coronavirus nel pisano: 39 casi a Pisa, 26 a Cascina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento