rotate-mobile
Economia Volterra

Vicenda Smith, tensione alle stelle: salta la presentazione del nuovo piano industriale

L'appuntamento era previsto per venerdì all'Unione industriali. Buselli: "Il momento è delicatissimo, non facciamo passi falsi". Continua intanto il duro scontro tra dipendenti e direzione aziendale. I sindacati: "Necessario un confronto più civile"

Nuovo colpo di scena nella vertenza che riguarda la Smith di Saline di Volterra. Salta infatti l'appuntamento fissato per venerdì 19 giugno all'Unione industriali di Pisa dove era previsto l'incontro tra sindacati, Rsu e l'amministratore delegato Giuseppe Muzzi. Un incontro durante il quale l'Ad avrebbe dovuto presentare il nuovo piano industriale dell'azienda. "Il momento è delicatissimo - dice il sindaco di Volterra Marco Buselli - e non conviene fare passi falsi. Invito tutte le parti in causa a mantenere la calma, anche se non è facile". Sarà invece convocato oggi per il prossimo mercoledì 24 giugno, l'incontro a Roma al ministero dello Sviluppo economico.

Continua dunque a restare altissima la tensione tra i dipendenti della Smith e la direzione aziendale. Ieri il direttore del personale Mauro Marchi, considerato dai lavoratori uno dei principali artefici, insieme all'amministratore delegato Giuseppe Muzzi, della tensione che si è creata tra i dipendenti e l'azienda di Saline di Volterra, non si è presentato al lavoro perchè "mancavano le condizioni di sicurezza". La decisione del capo del personale arriva dopo le contestazioni che lo hanno visto protagonista venerdì scorso, con lancio di uova e sputi sulla sua macchina.

Il momento è insomma delicatissimo tanto che la stessa Cgil aveva invitato azienda e dipendenti ad un confronto più civile. "Venerdì scorso - scriveva la Cgil - è stata scritta una brutta pagina nella difficile vertenza della Smith di Saline di Volterra. Speriamo che sia l'ultima e che si possa riprendere quanto prima una modalità di confronto in cui il rispetto reciproco prevalga sulla volontà di sfogare la tensione".

La Cgil chiedeva all'azienda se fosse "proprio indispensabile agire la 'messa in libertà' delle maestranze a pochi giorni dall'incontro di presentazione del piano industriale". E ancora, a fronte di questa decisione, se fosse proprio "indispensabile, nella giornata di venerdì, negare ai lavoratori anche il diritto a consumare il pasto, peraltro già preparato dalle cucine, gettando nell’ immondizia tutto il cibo con uno spreco ed uno spregio incomprensibili e inaccettabili in una situazione già così tesa".

Il sindacato criticava però anche i lavoratori. "Nessuno può permettersi di aggredire verbalmente e moralmente nessun altro - proseguiva la Cgil - neanche quando si ritiene, a torto o a ragione, di essere stati provocati. Esattamente questa è la differenza tra una lotta sindacale dura come quella Smith Bits capace, fino a venerdì, di coinvolgere e sensibilizzare l'opinione pubblica suscitando un moto di grande solidarietà, e forme di lotta non condivise e non condivisibili che rischiano di isolare i lavoratori e offrono motivi e pretesti per chiudere il confronto".

INCONTRO DEGLI INDUSTRIALI. Sempre nella  giornata di ieri a Pisa si è svolta la consueta Assemblea generale annuale dell'Unione Industriale. Un'assemblea a cui era presente anche il primo cittadino di Volterra, Marco Buselli. "Nella relazione del presidente Federighi - dice Buselli - avrei voluto sentire almeno un accenno generico alla questione Smith, che investe appieno il delicato tema delle politiche industriali e del futuro della manifattura nel nostro Paese, ma così non è stato".

Potrebbe interessarti:http://www.pisatoday.it/economia/smith-bits-saline-volterra-messa-liberta-lavoratori-contestazione.html
Seguici su Facebook:http://www.facebook.com/pages/PisaToday/163307690398788

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vicenda Smith, tensione alle stelle: salta la presentazione del nuovo piano industriale

PisaToday è in caricamento