Sport

Pisa 1909, Sport Man si ritira: "Non vogliamo una guerra fra bande"

Il procuratore Alessio Sundas parla di "ostacoli frapposti sugli accordi di sponsorizzazione già firmati. Ostilità nell'ambiente, tranne che dai tifosi"

Nella confusa vicenda Sport Man Procuratori Sportivi-Britaly Post, dove c'è stato prima l'annuncio di un accordo di sponsorizzazione poi smentito dalla proprietà nerazzurra, c'è la parola fine pronunciata dal responsabile dell'azienda Alessio Sundas. In un comunicato il procuratore annuncia che "la Sport Man è costretta ad annunciare di dover interrompere ogni rapporto con il Pisa Calcio. E' una decisione che non avremmo mai voluto prendere ma, davanti agli ostacoli che sono stati frapposti sugli accordi di sponsorizzazione già firmati, facciamo un passo indietro".

"Avevamo lavorato per favorire l'ingresso di una cordata di sponsor di livello internazionale che avrebbero messo sul piatto centinaia di migliaia di euro" scrive Sundas. Il 23 settembre parlava di contratti da decine di migliaia di euro. "Purtroppo - prosegue - abbiamo riscontrato solo ostilità da tutto l'ambiente, esclusi i tifosi che avevano compreso l'importanza della nostra iniziativa per tirare fuori il Pisa dalle sabbie mobili della crisi. A partire dalle dichiarazioni dell'allenatore che manifestava scetticismo nei nostri confronti, per arrivare fino alla smentita del presidente in merito all'accordo di sponsorizzazione tecnica che invece aveva sottoscritto con la Sport Man Procuratori Sportivi".

I tifosi, stando ai numerosi commenti sui social, erano quantomeno preoccupati per la vicenda. La generale incertezza ha fatto il resto: "La nostra azienda - conclude Sundas - ha una storia di prestigio e non ama essere coinvolta in una guerra tra bande che pesa come un macigno sulla pelle dei tifosi nerazzurri. E cogliamo l'occasione per fare i complimenti al mister Gattuso che, nonostante una situazione drammatica, sta portando il Pisa nella parte alta della classifica. La Sport Man Procuratori Sportivi, a conferma della propria buona volontà, aveva annunciato di essere pronta ad incontrare il sindaco di Pisa per individuare ogni strada che conducesse il sodalizio toscano lontano dal baratro della crisi. Purtroppo qualcuno ha deciso di rinunciare a contratti remunerativi".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pisa 1909, Sport Man si ritira: "Non vogliamo una guerra fra bande"

PisaToday è in caricamento