rotate-mobile
social

Castagnaccio alla toscana, la ricetta

Dolce tipico autunnale della nostra regione, può essere preparato in moltissimi modi diversi

Dopo una lunga estate che non sembrava voler finire, nelle ultime settimane l'autunno ha preso il sopravvento imponendoci un cambio di abitudini anche a tavola. I cibi più leggeri consumati durante la stagione più calda, infatti, stanno via via lasciando spazio a pietanze più caloriche e ricche di energia da consumare nel corso della giornata. Tra i piatti tipici della stagione autunnale, in Toscana non può ovviamente mancare il castagnaccio, dolce ricavato dalla farina di castagne di cui esistono moltissime varianti. Vediamo la ricetta.

La ricetta

Nel castagnaccio, come da tradizione, non devono mai mancare pinoli, uvetta, rosmarino e scorze d'arancia. Per prima cosa setacciate 400 grammi di farina dolce di castagne e aggiungete mezzo bicchiere di latte e mezzo di acqua, mescolando finché non avrete eliminato tutti i grumi. A questo punto aggiungete 3 cucchiai di zucchero, 50 grammi di uvetta ammollata, 50 grammi di pinoli e 50 grammi di noci tritate grossolanamente, la scorza di un'arancia tagliata in piccoli pezzi e mezzo bicchiere di olio extravergine di oliva.

Mescolate il composto ottenuto e rovesciatelo in uno stampo unto in precedenza con dell'olio. Se volete un castagnaccio più croccante scegliete una teglia grande, in modo che lo strato di composto sia sottile. Decorate poi la superficie con pinoli, noci e un rametto di rosmarino. Cuocete infine in forno a 170° per circa mezz'ora, fino a che la superficie del dolce sarà dorata e croccante.

Conservazione

Il castagnaccio alla toscana può essere conservato fuori dal frigorifero per 3-4 giorni al massimo coperto con un canovaccio. Si sconsiglia la congelazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Castagnaccio alla toscana, la ricetta

PisaToday è in caricamento