rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Calcio

Genoa-Pisa: le probabili formazioni | D'Angelo: "Proveremo a dare una gioia ai 5mila pisani che ci seguiranno"

Possibile maglia da titolare per Moreo al centro dell'attacco nerazzurro nel big match del Ferraris

Impossibile negarlo: l'attesa per partite come quella che il Pisa giocherà domani, sabato 28 gennaio (alle 16.15), al Ferraris di Genova è bellissima. Perché nello spazio di un respiro si condensano sensazioni, emozioni, aspirazioni, ansie, timori e sogni. Lo Sporting Club, grazie alla strepitosa rimonta avviata a ottobre con il ritorno di D'Angelo in panchina, può sfidare il Genoa in una gara che mette in palio punti pesantissimi per le zone altissime della classifica. E poco importa se nelle prime due gare dell'anno è arrivato soltanto un punto: basta il dato dei tagliandi staccati in città e in provincia - circa 5mila - per fotografare l'entusiasmo che circonda la squadra.

Out soltanto Torregrossa

Il tecnico Luca D'Angelo avvia l'analisi della supersfida di domani riavvolgendo il nastro del 2-2 di Como: "Resto fermamente convinto che siano stati molti di più gli aspetti positivi rispetto a quelli negativi. La squadra ha fatto una buona prestazione, siamo stati puniti nell'ultimissimo pallone dell'ultimo minuto di recupero. Ma in quei frangenti saltano sempre gli schemi e qualsiasi compagine corre lo stesso pericolo". Subito dopo l'allenatore nerazzurro punta lo sguardo sul Ferraris: "Lo stadio sarà pieno e questo, a mio avviso, è bellissimo. I tifosi del Genoa saranno in netta maggioranza, com'è ovvio, ma l'ambiente ci stimolerà a dare il massimo. Lo dobbiamo anche ai 5mila che ci seguiranno con ogni mezzo".

In avanti sarà possibile vedere dal 1' Stefano Moreo, dopo la mezz'ora abbondante disputata a Coùmo: "Fisicamente e mentalmente sta molto bene. Stiamo cercando di inserirlo il più rapidamente possibile all'interno dei meccanismi tattici della squadra, mentre sul piano umano non ha avuto problemi a calarsi all'interno del gruppo - assicura l'allenatore - negli ultimi anni ha agito spesso da rifinitore alle spalle di un centravanti, ma possiede comunque l'esperienza e le qualità per poter occupare anche la casella del numero 9".

A centrocampo tornerà sicuramente tra i titolari Adam Nagy, mentre in difesa si registra il rientro di Barba dopo il turno di squalifica scontato la scorsa settimana. "La difesa a tre è sempre un tema tattico sviluppato durante la settimana. Ma anche a Genoa credo che l'impianto sarà quello della linea a quattro" ammette D'Angelo. Che poi si sofferma anche sulla squadra avversaria: "Nella prima fase del torneo il Genoa ha balbettato un po' troppo, sicuramente più del previsto. Conseguenza di ciò era l'atteggiamento della squadra in campo, molto più guardingo. Infatti con mister Blessin i rossoblu cercavano maggiormente la verticalità e le ripartenze. Adesso invece Gilardino va alla ricerca della manovra e di un gioco più ragionato".

"Comportiamoci da pisani"

I gruppi organizzati della curva Nord 'Maurizio Alberti' hanno voluto rivolgere un consiglio alla vigilia dell'esodo verso la Liguria:  "Invitiamo tutti coloro che parteciperanno alla trasferta di Genova a portare con sé sciarpe, bandiere, tutto quel che si ha di nerazzurro, con l’obiettivo di colorare i nostri settori. Saremo tanti: ci sarà chi fa tutte le trasferte, chi è comunque abituato, chi ne fa di rado, chi è alle prime armi perché magari è molto giovane. Vediamo di muoverci e comportarci da pisani, con il rispetto e con la mentalità che contraddistinguono da sempre la nostra tifoseria sia a casa nostra che in giro per l’Italia. Wanderers Sconvolts Rangers Svitati".

L'arbitro e le curiosità della partita

Dirige Manuel Volpi: col fischietto di Arezzo il Pisa ha uno score di 1 vittoria, 1 pareggio e 2 sconfitte. I nerazzurri arrivano al big match forti di una striscia positiva di 9 trasferte consecutive: l'ultima sconfitta lontano da casa in questa stagione risale al settembre scorso, quando il SudTirol in rimonta superò 2-1 i nerazzurri allora guidati da Rolando Maran. In trasferta inoltre lo Sporting Club, con 15 gol fatti, è anche il secondo miglior attacco, dietro soltanto al Frosinone a quota 16. Il Genoa invece è reduce da 4 vittorie consecutive, equamente distribuite tra casa e trasferta, e al Ferraris ha incassato appena 6 reti in 10 uscite.

Quella di domani sarà la ventunesima sfida in gare ufficiali tra Genoa e Pisa sotto la Lanterna. Il bilancio complessivo è tutt'altro che lusinghiero per lo Sporting Club: 1 sola vittoria, 7 pareggi e ben 12 sconfitte. L'unico successo risale al 1968, quando i nerazzurri riuscirono a trionfare con la rete di Mascalaito nel secondo tempo.

Le probabili formazioni

Genoa (3-4-1-2): Martinez, Dragusin, Vogliacco, Bani; Hefti, Strootman, Frendrup, Criscito; Gudmundsson; Aramu, Coda. All. Gilardino

Pisa (4-3-1-2): Nicolas; Calabresi, Hermannsson, Barba, Beruatto; Tourè, Nagy, Marin; Morutan; Gliozzi, Moreo. All. D'Angelo

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Genoa-Pisa: le probabili formazioni | D'Angelo: "Proveremo a dare una gioia ai 5mila pisani che ci seguiranno"

PisaToday è in caricamento