Sport

Pontedera-Gubbio 3-1 | Granata super anche all'ultima giornata, ora ai playoff c'è il Lecce

Partita tutta in discesa: i tre tenori Arrighini, Grassi e Pera vanno a segno e blindano l'ottavo posto. Ora per il Pontedera inizia l'avventura playoff: domenica sarà a Lecce per i quarti di finale in gara unica. Intanto è festa sugli spalti del Mannucci. Per la prima volta i granata arrivano a giocarsi la serie B

La partita è senza storia. Ma la storia per il Pontedera comincia proprio ora. Con il 3-1 sul Gubbio i granata salutano il campionato nel migliore dei modi e accedono per la prima volta ai playoff per la serie B (già sicuri da 7 giorni grazie alla sconfitta del Grosseto col Prato). L’appuntamento è per domenica prossima allo stadio “Via del Mare” contro il Lecce, con orario da stabilire. Sul campo la squadra di Indiani conferma l’ottimo momento: in casa arriva la terza vittoria consecutiva e in mezz’ora la partita è già decisa.

LA PARTITA. Indiani salvaguarda i diffidati Vettori, Caponi e Verruschi, che vanno in tribuna, mentre Di Noia in panchina. Anche Grassi e Arrighini sono a rischio giallo, ma gli attaccanti partono ugualmente dall’inizio e mettono a ferro e fuoco la difesa umbra. Il Pontedera controlla il gioco fin dall’inizio e dopo 25 secondi è pericoloso con Settembrini, che calcia di poco alto dal limite. Il monologo granata prosegue con la traversa la centrata da Arrighini al 16’, con un bel colpo di testa su assist di Pezzi. Ma al 18’ l’attaccante va a segno finalizzando una bella azione tutta in orizzontale avviata da Luperini e Settembrini. Con il suo diagonale i granata passano in vantaggio e staccano già il biglietto per Lecce. Ma fino alla metà del secondo tempo la destinazione dei playoff era Catanzaro, visto il contemporaneo vantaggio del Viareggio sul Pisa. Poi il ribaltone dei nerazzurri cambia tutto. Sul terreno del Mannucci invece è già tutto deciso al 29’, quando arriva il raddoppio firmato da Grassi, che scocca il suo sinistro dal limite e trova la deviazione decisiva di Laezza. La coppia delle meraviglie mette a segno 15 gol a testa .  E al 39’ potrebbe dilagare con Arrighini, che però spedisce a lato di testa l’assist di Settembrini. Due minuti dopo è lo stesso Settembrini ad avere la palla del 3-0, ma calcia fuori il diagonale.

Nel secondo tempo Roselli cambia volto al Gubbio togliendo Ferrari e Benedetti per Bartolucci e Malaccari. Sarr viene avanzato alle spalle degli attaccanti. Gli umbri si fanno subito avanti con una discesa di Falconieri, ma Pezzi anticipa Schetter pronto a girare in rete. Un minuto dopo il difensore sbaglia però il retropassaggio per Ricci favorendo l’inserimento di Schetter, che fallisce incredibilmente davanti al portiere. Sul contropiede è Gozzi a respingere sul sinistro di Pastore. Altro contropiede altra occasionissima: Settembrini colpisce la traversa con un pallonetto, sulla ribattuta è ancora Gozzi a salvare la porta respingendo il tiro di Arrighini.

La girandola di emozioni a inizio ripresa finisce con il valzer delle punte per il Pontedera. Indiani decide che Arrighini e Grassi si sono divertiti abbastanza e li toglie inserendo Pera e Picone. Mentre svanisce la speranza del settimo posto per la notizia del vantaggio del Pisa sul Viareggio, Pera sfiora il tris con un bolide deviato in angolo da Gozzi. Ma al 25’ il gol arriva anche per l’ex Poggibonsi, che fa fuori due difensori e chiude il concerto dei tre tenori. Nel finale il Gubbio trova il gol della bandiera con Falconieri, che batte Ricci di testa sugli sviluppi di un corner.  

PONTEDERA-GUBBIO     3-1

PONTEDERA (3-5-2): Ricci 6; Pezzi 6.5, Gonnelli 7, Gasbarro 6.5; Regoli 6, Luperini 6.5 (30’ st Scicchitano sv), Bartolomei 6.5, Settembrini 7, Pastore 6.5; Grassi 7 (12’ st Pera 7), Arrighini 7 (12’ st Picone 6). A disp.: Bitozzi, Di Noia, Galli, Spada. All.: Paolo Indiani.

GUBBIO (4-3-1-2): Gozzi 6.5; Laezza 5, Tartaglia 5.5, Ferrari 5 (1’ st Bartolucci 5.5), Procacci 5; Sarr 6, Boisfer 6, Benedetti 5 (1’ st Malaccari 5.5); Addae 5.5; Schetter 5 (10’ st Migliori 5), Falconieri 6.5. A disp.: Bellucci, Giuliacci, Tonarelli, Spagnolo. All.: Giorgio Roselli.

ARBITRO: Carmine Pierro di Nola (Lacalamita-Marcolin)

RETI: 18’ pt Arrighini, 29’ pt Grassi, 25’ st Pera, 43’ st Falconieri.

NOTE: ammonito: Boisfer. Angoli: 10-3. Recupero: 1’ + 3’. Spettatori: 699.   


MIGLIORI TODAY

Arrighini-Grassi-Pera (Pontedera): Il trio delle meraviglie incanta anche all’ultima giornata. I primi due chiudono la partita nel giro di mezz’ora. L’ex Poggibonsi entra nella ripresa e scherza con i difensori umbri. Tre perle da playoff.

Settembrini (Pontedera): Il suo ritmo a centrocampo è devastante e mette sempre sotto pressione un Gubbio con la testa già al prossimo campionato. Tanti passaggi d’oro (compreso quello per l’1-0 di Arrighini) e un gol sfiorato con un bel pallonetto che si infrange sulla traversa.

Falconieri (Gubbio): L’unico tra gli umbri a creare qualche pericolo, soprattutto sui calci piazzati. Il gol nel finale è il giusto premio.

PEGGIORI TODAY

Ferrari (Gubbio): Si perde Arrighini sul primo gol, e non si contano le volte in cui l’attaccante gli scappa via.

Schetter (Gubbio): Ha sul piede la palla per riaprire la partita, ma se fallisci anche una delle poche occasioni l’harakiri è servito  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pontedera-Gubbio 3-1 | Granata super anche all'ultima giornata, ora ai playoff c'è il Lecce

PisaToday è in caricamento