Venerdì, 18 Giugno 2021
Cronaca

Normale e Unione Industriale insieme per attività formative

La convenzione è stata siglata venerdì mattina

Convenzione siglata tra la Scuola Normale Superiore e l'Unione Industriale Pisana per avviare una collaborazione di durata almeno biennale riguardante attività formative e volte al trasferimento tecnologico.
La convenzione è stata presentata questa mattina dal direttore della Scuola Normale, Luigi Ambrosio, dalla presidente dell’UIP, Patrizia Pacini, dai referenti designati per lo svolgimento delle attività previste dalla convenzione: per la Scuola Normale la prorettrice al trasferimento tecnologico, Chiara Cappelli, per l’UIP il direttore, Carlo Frighetto e il delegato ai rapporti con l’università Andrea Madonna.

Riguardo alla formazione, da una parte la Scuola Normale potrà proporre agli imprenditori e ai loro dipendenti seminari e convegni da organizzare presso le aziende, o le sedi delle due istituzioni, anche in base alle specifiche richieste di aggiornamento presentate dagli operatori del territorio. Dall’altra l’Unione può mettere a disposizione il contributo di testimonianze ed esperienze dei propri associati per le attività di ricerca che si svolgono presso la Normale. Previsti in futuro anche possibili studi congiunti, così come l’avvio di servizi di placement rivolti agli allievi per facilitarne l’ingresso nel mondo del lavoro.

Per il trasferimento tecnologico, la convenzione prevede la possibilità di implementare lo scambio delle conoscenze tecniche e scientifiche dai laboratori e dagli ambiti di ricerca della Normale verso le imprese, e viceversa, con l’obiettivo da una parte di migliorare la competitività del tessuto economico di Pisa e Provincia, dall’altra fornire concreti casi di impresa.

Gli ambiti che potenzialmente potrebbero essere più interessati dai termini della convenzione sono il chimico, il farmaceutico, i beni culturali, la finanza matematica visto che Pisa e provincia possono vantare numerose e prestigiose aziende, nonché professionisti operanti in questi settori. Alla Scuola Normale specifici laboratori e gruppi di ricerca sono attivi in queste discipline.

“La nostra istituzione già da alcuni anni ha attivato un ufficio per il trasferimento tecnologico che organizza in maniera congiunta con alcune delle altre Scuole universitarie italiane incontri per avvicinare il mondo delle imprese a quello accademico - ha affermato il direttore della Normale Luigi Ambrosio - più in generale, è a disposizione della comunità per condividere le proprie competenze e lo stato dell’arte delle varie discipline, ad esempio organizzando ogni anno una fortunata serie di lezioni destinate a docenti delle scuole di ogni ordine e grado. Questa collaborazione con l’Unione Industrale Pisana è un ulteriore passo nella direzione di avvicinarci in maniera sempre più concreta al tessuto civile, in questo caso economico e produttivo del territorio pisano. Si profila l’opportunità per gli operatori industriali di venire a contatto diretto con la ricerca di punta che svolgiamo soprattutto in determinati settori, e per il nostro corpo docente, così come i nostri allievi, la possibilità di conoscere da vicino la realtà impreditoriale del territorio”.
“Il nostro tessuto industriale deve rafforzare i legami con le nostre eccellenze della ricerca ed entrambe queste realtà devono conoscersi meglio. Da sempre la storia industriale pisana è legata molto alla ricerca, ma a mio avviso bisogna e si deve fare di più - ha aggiunto la presidente dell'Unione Industriale Pisana Patrizia Pacini - la ricerca e lo sviluppo, nelle aziende di oggi, sono ancora più fondamentali: bisogna cercare di spingere le collaborazioni con il mondo universitario e, pensare in grande, magari a far diventare Pisa polo per la ricerca dello sviluppo industriale sostenibile. Quindi come presidente dell’Unione Industriale Pisana non posso che essere orgogliosa della collaborazione con la Scuola Normale Superiore”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Normale e Unione Industriale insieme per attività formative

PisaToday è in caricamento