rotate-mobile
Cronaca

Accordo Vitesco Technologies-Regione: avanti con la transizione verso la mobilità elettrica

Gli impianti di San Piero a Grado e Fauglia al centro della trasformazione industriale in Toscana

Il presidente Eugenio Giani, con gli assessori al Lavoro Alessandra Nardini e alle Attività produttive Leonardo Marras, hanno incontrato Hans-Jürgen Braun, vicepresidente e responsabile di Vitesco Technologies Operations, accompagnato da Fernando Viturtia Caurcel, Responsabile di Vitesco Technologies Operations Europe. All'incontro hanno partecipato anche Riccardo Toncelli, direttore dei due siti toscani di Vitesco Technologies a Fauglia e a San Piero a Grado, che impiegano circa 1.000 persone, con Edoardo Giorgetti della Business Unit Electronic Controls e Laura Lembi, responsabile delle risorse umane di Vitesco Technologies Italy. Per la Regione Toscana era presente anche il capo di gabinetto della presidenza, Paolo Tedeschi.

Regione Toscana e Vitesco Technologies, azienda leader nella fornitura di tecnologie e soluzioni powertrain all'avanguardia per la mobilità pulita, hanno firmato a giugno 2020 un protocollo d'intesa per la trasformazione dei siti produttivi in Toscana conseguentemente al rischio delle annunciate misure di ristrutturazione. Il lavoro svolto nell'ultimo anno e mezzo, oltre a un primo progetto di formazione (finanziato dalla Regione e realizzato in collaborazione con l'Università di Pisa) per la riconversione di 100 ingegneri e tecnici Vitesco dalle competenze meccaniche a quelle elettriche, ha permesso di iniziare a valutare nuove prospettive per i dipendenti altamente qualificati e diversi potenziali progetti per le sedi Toscane negli ambiti della ricerca e sviluppo, industrializzazione e produzione.

L'incontro è stato quindi l'occasione per aggiornare la discussione sulle prospettive dei due siti produttivi di Vitesco Technologies Italia. Braun e Viturtia hanno rappresentato il valore delle competenze e delle capacità industriali locali rispetto alle nuove sfide del digitale e della mobilità elettrica, riconoscendo l'utilità del percorso di lavoro congiunto con la Regione Toscana. Gli interventi del presidente Giani e degli assessori Nardini e Marras hanno rimarcato il pieno sostegno al processo di trasformazione industriale, tenendo presente anche i tavoli regionali nel frattempo avviati per il settore automotive e nel campo dell'idrogeno, nonché delle opportunità derivanti dal PNRR 2021-2027 e dai fondi di coesione europei.

L'annuncio di questi giorni da parte del ministro Giorgetti di un fondo dedicato alla riconversione del settore automotive fino al 2030 rappresenta un'ulteriore opportunità per le case automobilistiche e i fornitori italiani per gestire con successo la trasformazione verso la componentistica elettrica ed energetica. In questa prospettiva, la Regione Toscana è pronta a sostenere il caso Vitesco Technologies Italy come primo esempio a livello nazionale. Il lavoro preventivo di Vitesco Technologies Italy e Regione Toscana dal 2020 a oggi, in raccordo con il Ministero dello Sviluppo economico,ha infatti consentito di verificare la presenza in Toscana di un ecosistema in grado di sostenere la sfida di una trasformazione tecnologica, di processo e prodotto verso il mondo della mobilità elettrica,così come della sostenibilità energetica. Grazie alla presenza di Università, centri di ricerca, laboratori di test e servizi, ed eventuali PMI locali per potenziali partenariati sostenuti dalle politiche della Regione Toscana, il territorio locale ha tutti i presupposti per sostenere questa trasformazione. Durante l’incontro si è anche convenuto che il rinnovo del Protocollo d’intesa fino al 2025 potrà coinvolgere i Comuni di riferimento dei siti produttivi e definirà le modalità di raccordo con le organizzazioni sindacali. A conclusione del confronto il presidente Giani ha ribadito che la presenza di Vitesco Technologies per la Regione Toscana è irrinunciabile.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accordo Vitesco Technologies-Regione: avanti con la transizione verso la mobilità elettrica

PisaToday è in caricamento