Caso Ragusa, la sentenza: condanna a 20 anni per Antonio Logli

Confermata la sentenza di primo grado di omicidio e distruzione di cadavere

(foto d'archivio)

Il secondo grado della Corte d'Assise d'Appello di Firenze ha deciso: per la giuria Antonio Logli ha ucciso Roberta Ragusa e ne ha distrutto il cadavere. Confermata la pena del primo grado, cioè 20 anni di reclusione. La decisione è arrivata alle 18, dopo oltre 6 ore di camera di consiglio.

La Corte ha anche confermato per l'uomo l'obbligo di residenza nel comune di San Giuliano Terme e il divieto di allontanarsi dalla provincia di Pisa dalle 21 alle 6. La pubblica accusa aveva chiesto alla Corte invece che, in caso di condanna, fosse disposta la misura di custodia cautelare.

L'udienza è iniziata stamani, 14 maggio, dove si era interrotta lo scorso 28 marzo, cioè con l'intervento del secondo avvocato di Antonio, Saverio Sergiampietri, dopo la lunga esposizione del collega Roberto Cavani di quasi un mese fa. La Procura non ha voluto replicare, mentre lo hanno fatto le parti civili. E' seguito l'ultimo intervento di Cavani, con poi la camera di consiglio partita alle 11.30.

Il verdetto negativo per Logli, certamente, sarà impugnato in Cassazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Più spostamenti in un comune diverso: ordinanza regionale in vista della zona arancione

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Toscana zona rossa, scende l'indice Rt: "Zona gialla prima di Natale"

  • Coronavirus in Toscana: quasi 1.200 nuovi positivi, 236 a Pisa

Torna su
PisaToday è in caricamento