Cronaca

Asili nido a Pisa: iscrizioni in aumento, servizio riorganizzato

In controtendenza nazionale i dati della città della Torre. La legge di stabilità blocca nuove assunzioni di personale e l'amministrazione riorganizza la gestione riducendo gli asili a gestione diretta

Registrato a Pisa un trend positivo nelle iscrizioni agli asili nido per l'anno scolastico 2016/2017. Le richieste sono in aumento dello 0,8% rispetto il 2015/2016, dopo un calo registrato negli ultimi 3 anni. "Seppure il lieve aumento - scrive l'amministrazione - possa essere considerato un'oscillazione fisiologica, il dato positivo diventa estremamente significativo se rapportato alla netta controtendenza rispetto alla situazione nazionale".

Un'inchiesta di Repubblica parla di un calo delle iscrizioni a livello nazionale pari al 6%, di una media di frequenza che va dal 17% al nord al 3,5% al sud e infine di costi medio di 311 euro. A Pisa sono 628 le domande pervenute di cui 278 per conferma dell'iscrizione per i bambini e le bambine già frequentanti e 350 domande di nuova iscrizione. di cui 74 per sezione Lattanti e 276 per sezione Divezzi. Lo scorso anno le domande erano state 623. I costi medi restano sostanzialmente invariati.

Alla crescita delle domande corrisponde una diminuzione netta di 16 insegnanti dipendenti comunali a causa di pensionamenti, passaggi alla scuola dell'infanzia comunale, passaggi allo Stato, inabilità per questo servizio con necessità di trasferimento ad altro incarico, e i licenziamenti a seguito dei noti fatti del nido. "Questa diminuzione non può essere sanata - afferma il Comune - vista la conferma, nonostante la battaglia condotta da ANCI nei confronti del Governo per una deroga nel caso di personale educativo, dei vincoli di legge di stabilità che non consentono il turn over e limitano le possibilità di assunzione di personale a una unità ogni quattro pensionamenti".

Saranno sette le assunzioni possibili in tutto il Comune, di cui una utilizzata per il coordinamento pedagogico. "L'amministrazione potrà contare per il prossimo anno su 50 delle 63 educatrici, procedendo con l'assunzione di due unità a tempo indeterminato a valere sul piano del personale 2015 e di una a tempo determinato per quest'anno. Le 13 unità di personale mancanti corrispondono a circa 70 posti nido nelle strutture a gestione diretta, che verranno acquisiti in pari numero in strutture a gestione indiretta o a convenzione".

Per far fronte a questa carenza è stata necessaria per l'amministrazione una riorganizzazione, con un maggiore coordinamento pedagogico e conservando i posti disponibili. Questi infatti rimangono 592, invariati rispetto allo scorso anno. Mentre lo scorso anno questi erano gestiti per il 56% in modo diretto, 38% in modo indiretto e 6% in modo convenzionato, il prossimo anno le percentuali saranno 45% gestione diretta, 42% a gestione indiretta, e il 13% a gestione convenzionata.

La diminuzione di posti a gestione diretta sarà distribuita su tutte le strutture, in misura maggiore per quelle più grandi, comunque compensando in ogni quartiere con la gestione indiretta e a convenzione. "Tenendo conto che i dati storici disponibili a consuntivo mostrano una percentuale di rinuncia successiva alle domande di iscrizione pari a circa il 10% - spiega il Comune - il numero dei posti disponibili dal mese di settembre sarà sufficiente a soddisfare tutte le richieste di iscrizione (offrendo un posto nido a tutte le famiglie che lo richiedono) e ad azzerare le liste d'attesa".

"La copertura - calcola l'amministrazione - sui potenziali iscritti ovvero su tutti i bambini redidenti a Pisa che potrebbero iscriversi al nido corrisponde al 35,8%, a questa va aggiunta la copertura del privato accreditato, pari a circa 10% per una copertura totale del 45,8%. In questa riorganizzazione si raggiunge anche l'obiettivo di scongiurare una perdita di posti di lavoro nei nidi a convenzione, che negli ultimi anni hanno avuto un costante calo di richieste da parte del Comune".

Nel dettaglio i posti nido per l'anno educativo 2016/17 saranno complessivamente 592 di cui 565 assegnabili per settembre 2016 e 27, nella categoria Lattanti, per gennaio 2017. I posti per settembre saranno così distribuiti: 278 per i bambini/e che confermano il servizio già assegnato; 217 posti divezzi e 70 posti lattanti per i nuovi iscritti che hanno presentato domanda nei termini previsti dal bando (5 Maggio 2016).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Asili nido a Pisa: iscrizioni in aumento, servizio riorganizzato

PisaToday è in caricamento