rotate-mobile
Cronaca

Terrorismo: dopo l'arresto del tunisino aumenta la vigilanza in città

Il prefetto Visconti ha chiesto un aumento delle forze di Polizia presenti a Pisa. Dopo l'episodio è stato considerato un maggior livello di rischio

Dopo l'arresto e l'espulsione del tunisino di 26 anni che aveva minacciato di compiere un attentato a Pisa, aumenta il livello di prevenzione nella città della Torre. Si è infatti tenuta una riunione tecnica di coordinamento delle forze di Polizia per un approfondito esame delle attuali misure di vigilanza agli obiettivi sensibili, tra i quali massimo rilievo rivestono Piazza dei Miracoli, l’aeroporto 'Galilei' e la stazione.

Le misure di vigilanza già operative sono state ancora una volta rimodulate visto che, dopo l'arresto del tunisino, è stato considerato un livello più alto di rischio. Nel corso della riunione è stata condivisa l’esigenza di maggior controllo anche attraverso il supporto dei reparti mobili, da impiegare secondo le esigenze tecnico-operative disposte dal Questore. Per tale ragione il prefetto Visconti ha chiesto un rinforzo di circa 50 unità da impiegare su Pisa almeno fino al completamento della stagione estiva.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terrorismo: dopo l'arresto del tunisino aumenta la vigilanza in città

PisaToday è in caricamento