Cronaca

'Bollino Blu' nei negozi, Autismo Pisa: "Buona idea, ma esclusa la voce delle famiglie"

L'associazione sostiene di non aver potuto "verificare la qualità della formazione fornita" e quindi non ha aderito all'iniziativa dell'amministrazione

"La nostra associazione ha deciso di non partecipare al progetto non perché non sia una buona idea, ma perché non ci è stata data la possibilità di verificare la qualità della formazione fornita e di portare la voce delle nostre famiglie". Così l'associazione Autismo Pisa Aps, con una nota firmata dal direttivo, commenta l'annuncio da parte dell'amministrazione di Pisa del progetto 'Bollino Blu': un marchio fuori dal negozio a dimostrazione che, presso gli esercizi commerciali aderenti, il personale darà "precedenza ed assistenza nell'acquisto" ai clienti con il disturbo.  

"Abbiamo incontrato l'assessore Munno e la Sig. Berardinetti presidente dell'associazione Ainsped chiedendo di poter leggere il progetto, ma ci è stato negato. La Sig. Berardinetti ha aggiunto che il progetto è stato fatto dall'associazione dei pedagogisti Ainsped, che l'associazione ha il copyright del bollino e che la parte di formazione verrà decisa senza coinvolgere le nostre famiglie. Del resto il progetto era già partito a dicembre 2020 senza che il Comune avesse pensato minimamente a coinvolgerci. Mi sento solo di sottolineare - prosegue sempre nella nota la presidente Susanna Pelagatti - che far partire un progetto sull'autismo escludendo la più vasta associazione di familiari operante nel comune la dice lunga sull'approccio non inclusivo dell'iniziativa e metto in guardia i nostri genitori su blasonati pedagogisti che pretendono di sapere loro cosa serve alle persone con disabilità di fatto escludendo la loro voce. Peccato, poteva essere una vera occasione".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Bollino Blu' nei negozi, Autismo Pisa: "Buona idea, ma esclusa la voce delle famiglie"

PisaToday è in caricamento