Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca Cisanello / Via Giuseppe Garibaldi

Viabilità e sicurezza stradale in via Garibaldi: "Ci sono problemi rilevanti sottovalutati"

Il consigliere comunale Filippo Bedini (Nap-FdI-An) ha illustrato le criticità dell'arteria cittadina

Riflettori accesi da parte del gruppo Noi Adesso Pisa-Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale su via Garibaldi. La strada, molto trafficata e arteria importante per raggiungere il centro cittadino, presenta diverse criticità che il consigliere comunale Filippo Bedini ha segnalato nei mesi scorsi all'amministrazione in due diverse interrogazioni. In una conferenza stampa oggi, 23 ottobre, sono stati resi noti i dettagli delle risposte a firma Andrea Serfogli, assessore ai lavori pubblici.

Qualche luce, ma molte ombre, secondo il consigliere Bedini. "La buona notizia - spiega - è che è stata proposta dalla Polizia Municipale, citata nella risposta alla nostra interrogazione, l'istituzione del limite di velocità a 30 km/h, con passaggio pedonale rialzato, nel tratto dell'incrocio con via Mossa. Un intervento che credo verrà fatto, anche se non mi convince il fatto che la Polizia Municipale dica anche che non si siano mai registrate criticità per velocità elevata o incidenti. Comunque è un passo avanti positivo, vista la pericolosità della curva".

Curva che, hanno fatto notare alcuni residenti, "non ha previsto alcun divieto di sosta, che è presente invece pochi metri più avanti, quando già perde buona parte della sua efficacia, che peraltro resta alta visto il doppio senso di marcia". Il problema coinvolge quindi il marciapiede, che si presenta in cattivo stato di manutenzione, usato anche come spazio di sosta (lecitamente) poco prima del cartello. "All'origine della nostra attenzione - prosegue Bedini - c'era il problema di una pianta che ostruiva il passaggio e copriva lo stesso cartello. Dopo l'interrogazione ci fu il sopralluogo il 22 agosto citato nella risposta, che dice che c'è stata la bonifica. Solo che non sono state rimosse le radici e adesso la pianta è tornata ed ostacola di nuovo il passaggio. Chiaramente si deve passare dalla strada per superare quel punto, un percorso che poi è impossibile per i disabili visto pure lo stato in cui si trova. Io inoltre avevo chiesto se c'erano risorse previste per l'intervento, dire solo che è prevista la sistemazione non basta".

Proseguendo verso via Santa Marta ci sono altri due punti critici. Il primo riguarda la presenza di numerose buche lungo la strada: "L'asfalto - dice Bedini - è già disintegrato dopo pochi anni che è stato rifatto. Da rifare c'è la massicciata sottostante, per questo cede, ma facendo gare sempre al massimo ribasso e risparmio è normale che accada". Altro aspetto è la pista ciclabile a fianco della via: "Sono stati spesi 200mila euro per un tratto di circolazione dedicata del tutto autoreferenziale, usato spesso come posteggio per bici e motorini. Le bici legate per l'ufficio della Pisamo sono 'teoricamente' in sosta vietata, con poi la specifica che 'non ci sono state rimozioni nell'ultimo anno'. Mi pare un controsenso, comunque è stato proposto di installare una rastrelliera nell'area pedonale davanti il civico 57".

"Speriamo col nostro lavoro - conclude Bedini - di aver contribuito a migliorare la situazione, mettendo anche in luce degli elementi su cui è necessario intervenire efficacemente".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Viabilità e sicurezza stradale in via Garibaldi: "Ci sono problemi rilevanti sottovalutati"

PisaToday è in caricamento