Cronaca

Fenomeno dei 'campi rossi', Antoni: "E' a rischio la salute dei cittadini?"

L'esponente 5 Stelle ha depositato venerdì un'interpellanza per capire se la strana colorazione di alcuni terreni potrebbe essere dovuta all'uso di un diserbante chimico, potenzialmente capace di provocare leucemie infantili e malattie neurodegenerative

Un'interpellanza per fare chiarezza sul fenomeno dei cosiddetti 'campi rossi'. E' quella che Valeria Antoni, capogruppo in Consiglio comunale del Movimento 5 Stelle, ha presentato questa mattina al sindaco di Pisa Marco Filippeschi. "Da alcune settimane - scrive l’esponente 5 Stelle - nonostante sia primavera, si può osservare lo strano fenomeno dell’erba già secca e rossastra. Non si tratta di un fenomeno naturale o di un'insolita malattia delle piante ma dell’uso massiccio di diserbanti, non solo lungo le banchine stradali, anche nei terreni coltivati o incolti, per renderli meglio coltivabili".

Secondo l'esponente 5 Stelle questo tipo di colorazione potrebbe essere dovuta, in particolare, all'utilizzo del glifosate, un diserbante comune ma molto dannoso: "Si sa che l’uso di tali sostanze dovrebbe essere vietato vicino ai corsi d’acqua - prosegue la Antoni - perché può provocarne l’inquinamento con conseguenze che è facile immaginare sugli organismi acquatici e per le sottostanti falde".

L'utilizzo di questa sostanza, secondo la Antoni, sarebbe piuttosto diffuso anche in Italia. "Le statistiche fornite dall’Ispra (l'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) - afferma la capogruppo 5 Stelle - dimostrano che questo diserbante viene spesso utilizzato anche nel nostro Paese, ed è collegato all'aumento di leucemie infantili e malattie neurodegenerative". Il Movimento 5 Stelle chiede quindi al Comune di monitorare l'utilizzo di questo pesticida sul territorio comunale e di emettere poi un'ordinanza che ne vieti l'uso.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fenomeno dei 'campi rossi', Antoni: "E' a rischio la salute dei cittadini?"

PisaToday è in caricamento