Cronaca

Salta la visita, ma Pisa e Saint Tropez restano vicine: lettera di Conti al sindaco francese

Conti scrive a Tuveri: "Quest'anno solo a distanza rinnoviamo il nostro antico legame, augurandoci che l'emergenza passi tornando al più presto alla normalità"

Il sindaco di Pisa Michele Conti ha inviato una lettera al primo cittadino di Saint Tropez, Jeanne-Pierre Tuveri, in questi tempi di emergenza, per ricordare e rinsaldare il legame fra le due città, data la cancellazione della tradizionale visita del 29 aprile. "Oggi, come tutti gli anni, avremmo rinnovato il nostro antico legame - ha scritto Conti - con la vostra gradita visita in città per festeggiare insieme la memoria del nostro comune Protettore, San Torpè. Purtroppo questi tempi di emergenza Coronavirus non ci permettono una vita regolare come singoli né come comunità, costretti a mantenere le distanze ed a azzerare le attività. Ci auguriamo che questa emergenza possa finire al più presto e si possa tornare alla normalità, incontrandoci ancora di persona per rinsaldare i rapporti di amicizia e affetto fra le nostre città".

Il 29 aprile la delegazione della città francese solitamente arriva a Pisa per essere accolta nella Sala delle Baleari a Palazzo Gambacorti per una cerimonia istituzionale, dopo aver assistito a una celebrazione nella Chiesa dedicata a San Torpè in via Fedeli. La data della ricorrenza ricorda il 29 aprile del 1633, giorno in cui, come asseriscono alcune fonti, a San Torpè viene attribuito uno dei molti prodigi: la liberazione dalla peste, dilagante nella città di Pisa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salta la visita, ma Pisa e Saint Tropez restano vicine: lettera di Conti al sindaco francese

PisaToday è in caricamento