rotate-mobile
Cronaca

Stazione di Pisa centrale, chiude l'Ufficio Assistenza: "Sarà sciopero"

I sindacati Filt Cgil, Fit-Cisl e Uil-trasporti comunicano e contestano la decisione di Ferrovie: "Effetti negativi per la città"

Trenitalia ha comunicato la chiusura dei locali dell'Ufficio Assistenza nella stazione di Pisa Centrale dal prossimo 1 gennaio 2017. Una scelta strategica che vede in disaccordo i sindacati Filt Cgil, Fit-Cisl e Uil-trasporti, secondo cui si tratterebbe di una "scelta immotivata e improvvisa, comunicata con un preavviso di sole 2 settimane, senza alcun confronto con i lavoratori e per di più in pieno periodo di ferie natalizie. Una decisione che l'assemblea dei ferrovieri del 19 dicembre ha condannato con decisione perché ridurrà la qualità dei livelli di assistenza ai pendolari, ai molti turisti ed ai disabili che frequentano la stazione".

L'Azienda, stando ai sindacati, non ha specificato come proseguirà il servizio di assistenza ai viaggiatori. Un sistema che "colpirà i più deboli ed i molti disabili che utilizzano il treno a Pisa e che oggi hanno un punto di riferimento nell'Ufficio Assistenza, che li può accogliere in un luogo presidiato e dedicato in attesa del treno. Ricordiamo che Pisa Centrale è priva della Sala Blu espressamente dedicata per questo servizio".

Una scelta che può penalizzare la città in ottica di sviluppo insistono le organizzazioni di lavoratori: "Pisa Centrale è una realtà ferroviaria importante a livello nazionale, oltre 6,5 milioni di viaggiatori,ogni anno, che aumenteranno dopo il completamento della Sesta Porta e del People Mover, investimenti che andrebbero valorizzati potenziando i servizi ai viaggiatori, non chiudendo spazi a questi dedicati! Inoltre Pisa Centrale è punto di riferimento per le emergenze di assistenza ai viaggiatori per tutta la tratta Roma – Genova, 24 ore su 24, e lo stesso lavoro svolto dal personale è sempre stato positivo e apprezzato in linea con i migliori indicatori nazionali del settore".

"Per tutto questo - concludono i sindacati - condanniamo la scelta. Invece di riqualificare la stazione per contrastare il degrado, queste decisioni aumentano la desolazione e l'abbandono di servizi ferroviari ai viaggiatori. I lavoratori sono fortemente contrari a questa scelta aziendale e sarà proclamato lo sciopero regionale del settore Vendita e Assistenza. Allo stesso tempo riteniamo che sia importante rendere pubblica la notizia perché i suoi effetti negativi ricadranno, oltre che sui lavoratori, anche sui pendolari, sui turisti, sui disabili e in definitiva sulla città di Pisa ed il suo territorio".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stazione di Pisa centrale, chiude l'Ufficio Assistenza: "Sarà sciopero"

PisaToday è in caricamento