Cassa integrazione in deroga, concluso l'esame delle domande: "Tra i primi in Italia"

La Regione Toscana fa sapere di aver istruito e inviato all'Inps tutte le pratiche arrivate. In totale sono 36.142 domande per un numero complessivo di 91.905 lavoratori

A ieri, giovedì 7 maggio, data dell'ultimo report settimanale, il numero complessivo di domande per la cassa integrazione in deroga arrivate alla Regione Toscana risultano pari a 36.142 per un numero complessivo 91.905 lavoratori. Si tratta di richieste inviate da aziende od imprese aventi almeno un'unità lavorativa in Toscana.

"Tutte le domande pervenute ad oggi, che non necessitano di integrazioni o codifiche aggiuntive, sono state istruite ed inviate all'Inps. Desidero ringraziare sentitamente gli uffici regionali e in particolare la direzione Lavoro per lo straordinario impegno profuso in queste settimane per evadere tutte le pratiche in tempi record", afferma l'assessore regionale a Lavoro, formazione ed istruzione, Cristina Grieco. Che precisa: “Possiamo dire con orgoglio che siamo tra le primissime Regioni italiane ad aver completato il lavoro istruttorio ad aver già inviato tutte le pratiche autorizzate all'Inps, che procederà al pagamento. Voglio anche ricordare che in Toscana abbiamo siglato un accordo con il sistema bancario regionale per l'anticipazione dietro semplice attivazione di domanda di ammortizzatore con causale Covid-19 da parte dell'azienda. L'elenco degli istituti aderenti è sul nostro sito".

Dallo scorso 31 marzo la direzione Lavoro della Regione Toscana ha reso disponibile una piattaforma online per l'invio di domande di cassa integrazione in deroga per la richiesta di autorizzazione in conseguenza dell'emergenza epidemiologica da coronavirus Covid-19 da parte delle aziende con almeno un luogo lavorativo sul territorio toscano. Le aziende si sono mosse fin dai primi giorni. L'ultimo report evidenzia che il numero complessivo di domande inviate dalle imprese è pari a 36.142 per 91. 905 lavoratori.

In Toscana il flusso delle domande inviate online presenta una concentrazione più elevata in corrispondenza di Firenze. Nella provincia fiorentina, infatti, si registra il maggior numero di richieste, circa il 27%, davanti a Lucca, con 11,2%, ed a Pisa, con il 10,5%. I lavoratori coinvolti nelle domande di cassa integrazione in deroga sono per circa il 60% donne. "La componente femminile, alla luce dei dati che emergono, appare maggiormente interessata da questo ammortizzatore - osserva  Grieco - è  un elemento sul quale dobbiamo riflettere".

Anche per quanto riguarda il numero di lavoratori, Firenze è in assoluto il territorio provinciale più interessato con il 28% del totale. Le domande provengono per il 30% circa da aziende dal settore del commercio all'ingrosso e al dettaglio, per circa il 27% dalle attività dei servizi di alloggio e dalla ristorazione, per l'11% dalle attività professionali. I lavoratori interessati alla cassa integrazione in deroga, infine, per oltre la metà hanno la qualifica di operaio, esattamente il 53,7%, mentre per il 38% sono impiegati e per l'8% apprendisti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto dal 16 gennaio: prosegue lo stop agli spostamenti tra regioni

  • Coronavirus in Toscana: 379 nuovi casi positivi

  • Bonus mobili 2021, come ottenere le detrazioni: i requisiti

  • Toscana zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 16 gennaio

  • Coronavirus, le palestre GimFive in protesta: anche a Pontedera struttura aperta il 15 gennaio

  • Pisa S.C., vicina la svolta: il magnate russo Knaster vuole acquistare il club

Torna su
PisaToday è in caricamento