Coronavirus, controlli serrati a Calci: quattro persone segnalate

I controlli delle forze dell'ordine proseguiranno per monitorare il rispetto dei decreti anti-covid

Monitoraggio del territorio, posti di blocco e lettori targhe di ingresso e uscita in paese ma anche gestione dell’emergenza, risposte a centinaia di chiamate, verifica della chiusura delle attività non essenziali e degli spostamenti consentiti dal nuovo decreto governativo. Continua in Val Graziosa l’attività di controllo della Polizia Municipale in campo sette giorni su sette per la gestione dell’emergenza legata alla diffusione del Coronavirus. Un’attività capillare che, dallo scorso 9 marzo, è stata effettuata - come da coordinamento da parte del sindaco - in sinergia con la stazione locale dei Carabinieri di Calci e con il supporto, specie durante i giorni del weekend, degli agenti della Polizia di Stato. Un impegno a 360 gradi teso non solo a garantire il rispetto delle disposizioni entrate in vigore con l’ultimo decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri, ma anche a dare risposte alla cittadinanza che sempre più si sta rivolgendo alla Polizia Municipale di Calci per ricevere informazioni in ordine agli spostamenti consentiti e alla modalità di compilazione delle autodichiarazioni.

Il Comune di Calci ha dedicato grande impegno all'informazione della popolazione, con comunicazioni mirate ed aggiornamenti costanti su ogni novità. “Non mancano informazioni e supporto - interviene il sindaco di Calci, Massimiliano Ghimenti - alla cittadinanza, che nella stragrande maggioranza, e la ringrazio, rispetta il decreto, ma avevamo anche garantito massimo rigore nei controlli e così è stato e sarà”.

Quattro, ad oggi, le persone segnalate all’autorità giudiziaria per non aver rispettato le disposizioni contenute all’interno del decreto governativo 'io resto a casa'.
“Con l’emanazione del nuovo Decreto Legge - prosegue il sindaco - le misure del Governo diventano ancora più restrittive e proseguiranno di pari passo i controlli della nostra Polizia Municipale e della Stazione locale dei Carabinieri che, con posti di blocco e controlli diffusi sul territorio, garantiscono il rispetto delle disposizioni. Il mio ringraziamento va a loro e a tutte le forze dell’ordine che stanno monitorando sugli assi viari principali del Comune ma anche nei territori confinanti il rispetto delle ordinanze e decreti vigenti. Un lavoro quotidiano e rischioso, svolto con professionalità e costanza. In questa delicatissima fase di contrasto alla pandemia dobbiamo tenere alta l’attenzione e scongiurare qualsiasi assembramento o spostamento ingiustificato. Per questo ringrazio chi vigila e assicuro che a Calci non tollereremo irresponsabilità e chiunque non rispetterà le disposizioni verrà denunciato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Più spostamenti in un comune diverso: ordinanza regionale in vista della zona arancione

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

  • Toscana zona rossa, scende l'indice Rt: "Zona gialla prima di Natale"

Torna su
PisaToday è in caricamento