Tutela dei pazienti e studio del Covid-19: controlli periodici per i pazienti dimessi

Varato il piano dall'Aoup per monitorare le condizioni di salute dei guariti e capire il decorso del post-malattia

L'Azienda Ospedaliera Pisana sta organizzando un programma di follow-up dei pazienti ricoverati con diagnosi di Covid-19 e dimessi dall’ospedale per garantire la presa in carico anche a distanza dalla fase acuta di malattia. E’ previsto, dopo 1-2 mesi dalla dimissione, un contatto telefonico con contestuale intervista sul proprio stato di salute; successivamente, a tre mesi dalla dimissione, verrà programmata una visita di controllo pneumologica con valutazione della funzione respiratoria, esecuzione di indagini radiologiche (TC torace, ecografia toracica) e altri accertamenti, qualora necessari. Se il paziente non presenterà anomalie, il controllo successivo sarà effettuato a un anno dalla dimissione; se invece dovesse risultare la persistenza di alterazioni cliniche o funzionali o radiologiche, il paziente potrà eseguire controlli cadenzati nel tempo (dopo altri tre/sei mesi).

La decisione di organizzare questo programma di monitoraggio nel tempo sul decorso clinico dei pazienti ammalatisi di Covid-19, che si sta pianificando anche in altri ospedali in Italia e all’estero, è dovuto alla specificità di questa malattia e alla sua 'storia' nell’organismo umano. La Covid-19 (acronimo dell'inglese COronaVIrus Disease 19), è una patologia infettiva respiratoria, causata dal virus denominato SARS-CoV-2 appartenente alla famiglia dei coronavirus, che si sviluppa con l’arrivo delle particelle virali sulle superfici delle mucose respiratorie umane.

Se il patogeno riesce a superare la barriera difensiva delle cellule che rivestono le prime vie respiratorie, poi giunge nel polmone profondo, e lì causa, come è noto, quadri di polmonite in alcuni casi molto grave, accompagnata da insufficienza respiratoria. Il danno a livello del polmone può essere di estensione variabile e manifestarsi con vari segni radiologici (bene evidenti negli esami Tac). Ma che cosa accadrà nel tempo? E’ possibile che parte di queste lesioni rimangano e che la loro persistenza possa avere influenza sulla funzione respiratoria e/o accompagnarsi con la presenza di sintomi respiratori? Per rispondere a questa domanda e per mettere in atto eventuali terapie sarà necessario seguire i pazienti che sono stati ricoverati per malattia da Coronavirus 2019 (quelli quindi che hanno avuto le forme più impegnative di malattia) per un anno.

Aderire quindi a questa iniziativa sarà molto importante per la salute dei pazienti interessati, ma aiuterà tutti a capire e definire la 'storia' di questa malattia sulla quale ancora tanti interrogativi sono aperti e per la quale non sono ancora accertati trattamenti specifici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’iniziativa sarà coordinata dall’Unità operativa di Pneumologia, coinvolgerà le strutture che afferiscono al Pdta-Percorso diagnostico terapeutico assistenziale Interstiziopatie polmonari già esistente in ambito aziendale, (in particolare la Pneumologia e la Radiodiagnostica 2) insieme alle strutture che si sono fatte carico della degenza dei pazienti Covid-19 (Malattie infettive, Medicina d’urgenza, le Medicine 1°, 2° e 5°, Geriatria, Pronto soccorso e medicina d’urgenza, Anestesia e rianimazione, le strutture di Radiodiagnostica).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale davanti allo stadio a Pontedera: muore 30enne

  • Covid a scuola: classi in quarantena nel pisano

  • Covid in classe: cinque nuovi casi nelle scuole di Pisa

  • Barman deceduto a Pontedera: annullata la Festa del Commercio

  • Caccia al cinghiale estesa oltre i confini ordinari

  • Mareggiata a Marina di Pisa: allagamenti e pietre sul lungomare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento