rotate-mobile
Cronaca Calambrone

Litorale, allarme da Legambiente: "Preoccupazioni legittime riguardo alla Darsena Europa"

L'associazione ambientalista esorta a mantenere al centro di analisi e progetti il benessere dell'ecosistema costiero

Sono ormai prossimi lavori propedeutici alla realizzazione dalla Darsena Europa: dragaggi e opere a mare, necessari per consentire la protezione di grandi navi portacontainers e l'attracco a una grande darsena nel porto di Livorno. L’opera è imponente, con dighe foranee che avanzeranno nel mare per oltre un chilometro e mezzo a partire dalla foce del canale Scolmatore. Da alcuni anni Legambiente Pisa manifesta preoccupazione per la sorte della costa pisana: "L'esperienza dimostra che opere a mare, anche molto più modeste, hanno provocato sensibili variazioni della linea di costa. Perciò da tempo chiediamo studi approfonditi da parte di soggetti autorevoli e indipendenti per valutare il rischio per il nostro litorale".

Sono emerse preoccupazioni anche tra gli amministratori locali. L’assessore Filippo Bedini, del Comune di Pisa, dichiara: "E' un progetto che, data la sua mole, è difficile supporre che non provocherà un cambiamento irreversibile nel paesaggio e una modifica importante dell'ecosistema". L’assessore ha quindi incaricato la società Dhi Srl di Genova di condurre i primi studi meteo-marini, che sono tuttora in corso ma hanno già avvisato della possibilità di "una rotazione della linea di riva dovuta al progressivo accrescimento dell'arenile nell'area immediatamente adiacente alla foce dello Scolmatore" e di un suo arretramento nei primi due km a nord della foce stessa.

Anche Lorenzo Bani, presidente del parco di Migliarino-San Rossore Massaciuccoli, ha manifestato l’interesse del Parco ad essere coinvolto, magari con l’attivazione di un Osservatorio regionale, comprendente gli enti locali interessati, istituito e mai convocato. Il sindaco di Pisa, Michele Conti, pur dichiarandosi favorevole all’opera, chiede al presidente regionale Eugenio Giani di "programmare la tutela dell'ambiente e non agire in emergenza"  e propone un accordo di programma con la Regione Toscana per determinare opere di compensazione a tutela del litorale pisano.

Legambiente Pisa conclude: "La costa pisana, così come la conosciamo, ha una lunga storia geologica di equilibri mutevoli tra mare, terra, fiumi. Una storia che ha visto notevoli cambiamenti anche in tempi storici umani: abbiamo ora un ambiente 'bene comune' di grande valore sia naturalistico che economico, un bene delicato, costruito nel tempo e da conservare per il futuro".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Litorale, allarme da Legambiente: "Preoccupazioni legittime riguardo alla Darsena Europa"

PisaToday è in caricamento