Delegazione della National Gallery di Londra in visita a Palazzo Blu

L'occasione è la mostra su Artemisia Gentileschi che la galleria londinese aprirà da aprile: in esposizione anche due opere di Palazzo Blu

Palazzo Blu ha ospitato questa mattina una delegazione arrivata da Londra, composta da Letizia Treves, curatrice della National Gallery, Tracy Jones, responsabile dell’ufficio stampa del museo londinese, insieme a un gruppo di inviati di testate giornalistiche britanniche.

La visita è stata un press trip alla scoperta delle opere che da Palazzo Blu voleranno a Londra per la mostra Artemisia, a cura di Letizia Treves e in programma dal 4 aprile al 26 luglio 2020 alla National Gallery. In partenza da Pisa, dove sono esposte in via eccezionale fino al prossimo 8 marzo, la Clio, musa della storia di Artemisia Gentileschi, e il Ritratto di Artemisia Lomi Gentileschi di Simon Vouet, recente acquisizione nella collezione permanente.

La delegazione è stata accolta e salutata con piacere dal presidente di Fondazione Palazzo Blu, Cosimo Bracci Torsi, e dal presidente di Fondazione Pisa, Avv. Claudio Pugelli. Bracci Torsi ha introdotto brevemente la visita all’esposizione delle due opere, sottolineando lo stretto legame tra Pisa e la famiglia Gentileschi : Orazio, padre di Artemisia e i suoi due fratelli, Aurelio e Baccio, zii della pittrice barocca, appartenevano a una famiglia pisana di pittori.

Orazio Gentileschi, insieme a Artemisia, è l’esponente più famoso della famiglia, ha vissuto a Londra per molti anni fino al 1639, nella parte finale della sua vita, portando con sé lo stile sviluppato in Italia e lasciando nel Regno Unito numerose opere d’arte eccellenti. Artemisia, una delle pittrici più importanti del ‘600, raggiunge il padre a Londra nel 1638.

“Orazio e Artemisia sono la testimonianza del forte legame culturale tra i nostri due paesi - ha sottolineato il presidente Bracci Torsi, rivolgendosi agli ospiti - inoltre, soprattutto in questo momento ritengo che la mostra della National Gallery sia importante e significativa. Un modo per sottolineare il nostro comune patrimonio culturale. Siamo orgogliosi che le opere di Palazzo Blu siano state scelte per questo grande appuntamento, a Letizia Treves va il nostro ringraziamento”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La mostra di Londra è la prima esposizione monografica dedicata ad Artemisia Gentileschi nel Regno Unito. In mostra ci saranno una trentina di opere, provenienti da tutto il mondo, da collezioni private e da musei pubblici. La maggior parte delle opere, compresi i due dipinti di Palazzo Blu, non sono mai state esposte  prima in Gran Bretagna. Clio troverà posto nella sezione della mostra dedicata alle eroine donne ritratte da Artemisia, mentre il ritratto di Vouet sarà esposto nella sezione la mano della celebre Artemisia, che proporrà di conoscere l’artista attraverso lo sguardo dei suoi contemporanei.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto nella notte a San Piero a Grado: muore 26enne

  • Elezioni regionali Toscana 2020, prima proiezione: Giani in vantaggio

  • Ripartenza scuola e Coronavirus: mezza classe del liceo in quarantena a Pontedera

  • Coronavirus a scuola, tre studenti positivi: quarantena per compagni di classe e insegnanti

  • Cadavere di un anziano trovato in un fosso in zona La Fontina

  • Coronavirus in Toscana, 143 nuovi casi: 38 positivi in più a Pisa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento