Coronavirus: in distribuzione le mascherine gratuite in farmacia e nei supermercati

Sono 1,5 milioni per la Toscana, in tessuto non tessuto. Prosegue intanto la produzione. Si può ritirare 6 volte un kit da 5 pezzi a persona

E' partita come previsto ieri, 20 aprile, la distribuzione gratuita di mascherine per tutti i cittadini presso le 1150 farmacie della Toscana, pubbliche e private, e nei 230 punti vendita dei supermercati della grande distribuzione che al momento hanno sottoscritto l'accordo. Le mascherine possono essere ritirare da un componente della famiglia per tutti, nel rispetto della normativa in vigore per contrastare la diffusione del contagio del Covid-19. Si tratta di un kit di 5 mascherine alla volta (per un massimo di 6 volte nell'arco di 30 giorni) per singolo componente familiare, di età superiore a 6 anni, con tessera sanitaria o in possesso di codice fiscale. 

La distribuzione gratuita delle mascherine è per tutti i cittadini residenti in Toscana con tessera sanitaria, occorre cioè avere l'iscrizione all'anagrafe sanitaria della Toscana. I non residenti, salvo verificare se ci sono iniziative del proprio Comune, possono rivolgersi ai tradizionali rivenditori. Ogni kit contiene 5 mascherine e se ne possono avere in tutto 30, quindi il kit può essere preso per sei volte anche in un Comune diverso da quello di residenza, visto che il ritiro avviene tramite tessera sanitaria, sulla quale viene registrato il quantitativo prelevato.

Al momento, la distribuzione delle mascherine non coinvolge le parafarmacie, perché non utilizzano il software attraverso il quale sono gestite e tracciate le consegne delle mascherine. Il software è quello utilizzato dalle farmacie per l'erogazione delle ricette del canale distributivo della Dpc (Distribuzione in nome e per conto). Tuttavia, sono in corso verifiche tecniche per coinvolgere le circa 320 parafarmacie della Toscana in questo sforzo organizzativo.

L'erogazione delle mascherine andrà avanti per tutto il periodo di emergenza Covid-19. Non occorre 'fare le corse' per accaparrarsi i kit spettanti: ogni giorno e per più settimane saranno consegnate ai vari distributori le forniture necessarie, che sono in costante produzione. Si tratta di mascherine in tessuto non tessuto, prodotte in Toscana grazie al neonato 'distretto delle protezioni', capace di garantire una produzione quotidiana pari a un milione di pezzi, cui si sommano quelle chirurgiche standard acquistate da Estar nelle ultime settimane (altri 500mila pezzi al giorno).

La Regione Toscana, dopo una prima fornitura di oltre 8 milioni di mascherine avvenuta con la collaborazione dei Comuni, ha rafforzato in modo intensivo la distribuzione di questi dispositivi di protezione individuale grazie a un'intesa con Federfarma e Cispel Toscana, e con la Grande distribuzione organizzata (UniCoop Tirreno, UniCoop Firenze, Federdistribuzione, Conad, Esselunga, Lidl e Carrefour), nei cui supermercati sono previste, dalle ore 9 alle 16, postazioni gestite da personale del Servizio sanitario regionale per la consegna gratuita delle mascherine e per informazioni sul loro corretto utilizzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana: quasi 1900 nuovi casi e 44 decessi

  • Positivo al Covid si barrica nella stanza dell'ospedale Cisanello

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Coronavirus in Toscana: 2.200 casi, 48 decessi

  • Coronavirus in Toscana, calano i nuovi positivi: sono 1972

  • Coronavirus in Toscana, oltre 1900 i nuovi contagi: calano i ricoveri

Torna su
PisaToday è in caricamento