Solidarietà: prosegue la distribuzione dei pasti caldi Caritas nonostante il virus

La mensa del Cottolengo si è riorganizzata in base all'emergenza. Ad operare tanti giovani volontari

La solidarietà a Pisa non si ferma, neanche al tempo del Coronavirus. Francesco ha 27 anni, studia medicina e si dedica allo sporzionamento di polenta al sugo e spezzatino con le carote. Poi ci sono Maria Giulia, 25 anni, pure lei iscritta a medicina, Anna, 22 anni, trasferitasi a Pisa da poco e in cerca di lavoro e Francesca, 26, studentessa del corso di laurea in Linguistica e Traduzione, impegnate nel completare i cestini con pane, focaccia, pizzette, acqua, frutta e un depliant in quattro lingue (italiano, inglese, francese e arabo) sui comportamenti da seguire per tutelarsi dal rischio di contagio. Infine c’è Silvia, 24, anni, un impiego in un ristorante, che oggi fa la spola fra la sala in cui vengono confezionati i cestini da asporto e il portoncino da dove sono distribuiti alle persone in difficoltà.

In via Mazzini operano i volontari nei locali messi a disposizione dalla Piccola Casa della Divina Provvidenza del Cottolengo, che fino al 6 marzo scorso hanno ospitato una delle mense cittadine della Caritas diocesana. Da quella data è diventato il centro diurno per la consegna di pasti caldi da asporto sempre per chi fa più fatica. Quello serale, che funziona più o meno con le stesse modalità, invece, è alla parrocchia di Santo Stefano Extra Moenia.

"Ci siamo organizzati in questo modo per continuare a rimanere accanto ai più poveri tutelando sia la salute pubblica che quella di volontari e ospiti - spiega il direttore don Emanuele Morelli - anche il centro d’ascolto diocesano è ancora operativo anche se adesso lavora prevalentemente via telefono e lo stesso dicasi per la Cittadella della Solidarietà al Cep dove non facciamo entrare più di tre persone per volta. Ovviamente tutti i nostri volontari e operatori rispettano le indicazioni che arrivano dalle autorità sanitarie in materia igienica e di cosiddetto 'distanziamento sociale'".

Non nascondono un filo di preoccupazione i giovani del Cottolengo, accompagnati da Suor Riccarda Gaslini e da Bianca Pala, operatrice della Caritas diocesana incaricata di consegnare i cestini agli ospiti, una 60ina di persone in tutto che, ogni giorno, alla spicciolata si fermano davanti al portoncino di via Mazzini per ritirare il pasto. "Saremmo incoscienti se non ne avessimo - dice Francesco - ma questo luogo è un punto di riferimento per tutte quelle persone di Pisa che non ne hanno altri e, dunque, abbiamo deciso di continuare ad assicurare un servizio rispettando tutte le indicazioni delle autorità sanitarie a tutela della nostra salute e di quella delle persone che frequentano questa struttura".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"All’ex mensa serale di Santo Stefano, negli ultimi giorni divenuta anch’essa un cento di distribuzione, abbiamo rinunciato a offrire pasti caldi e da stasera consegneremo un cestino freddo per rispettare le norme igieniche - dice don Morelli - e abbiamo anche dovuto annullare la raccolta di generi alimentari con la Fondazione 'Il Cuore si Scioglie' e Unicoop Firenze del 28 marzo, per noi molto importante per garantire l’approvvigionamento al nostro Emporio, ma siamo sempre qui: nei limiti di ciò che è consentito e opportuno, non voliamo lasciare soli coloro che fanno più fatica".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali a Cascina: è ballottaggio tra Betti e Cosentini

  • Elezioni regionali Toscana 2020, le proiezioni: Giani in vantaggio

  • Incidente stradale davanti allo stadio a Pontedera: muore 30enne

  • Elezioni Regionali, Ceccardi sconfitta anche nella sua Cascina

  • Covid a scuola: due classi di licei pisani in quarantena

  • Covid a scuola: classi in quarantena nel pisano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento