Cronaca

Biciclette, calo dei furti in città: i mesi 'caldi' restano quelli estivi

Nel 2012, rispetto ai 564 furti dell'anno precedente, si sono avuti 60 episodi in meno, merito di una serie di azioni di prevenzione, come la targatura delle biciclette e la diffusione delle rastrelliere bloccatelaio

Muoversi in bicicletta è la soluzione migliore, ecologica e salutare per chi vive a Pisa, anche se il rischio furti è in agguato. Ma qualcosa sta cambiando.

Secondo i dati forniti dalla Polizia di Stato, e diffusi da Pisamo, le denunce per furto di bici sul territorio comunale sono state 504 nel 2012. In calo rispetto all'anno precedente, quando furono ben 564.

I mesi 'più caldi' sono quelli estivi, luglio (78 denunce), settembre (59) e giugno (57), mesi nei quali si presuppone un maggior uso del mezzo, il che innesca il mercato nero della ricettazione di bici.

Un trend positivo dunque, dovuto ad una serie di azioni di prevenzione, come la targatura delle biciclette, la diffusione delle rastrelliere bloccatelaio (oltre il 70% del totale dei posti bici), unite ad una maggiore attenzione da parte dei cittadini e delle forze dell'ordine.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Biciclette, calo dei furti in città: i mesi 'caldi' restano quelli estivi

PisaToday è in caricamento