Ondata di furti a Marina di Pisa: "Ci sentiamo abbandonati"

Alcuni esercizi commerciali del litorale nel mirino dei ladri nella notte tra martedì e mercoledì. Confcommercio: "Si parla tanto di sicurezza questi episodi sono ormai all'ordine del giorno"

Diverse attività commerciali di Marina di Pisa sono state vittime di furti e tentati furti nella notte tra martedì 7 e mercoledì 8 maggio. Un'ondata di atti criminosi che spinge la presidente di Confcommercio Pisa, Federica Grassini, ad appellarsi al prefetto, Giuseppe Castaldo: "Prenda a cuore questa situazione e intervenga risolutamente per porre un limite efficace a questa ondata di furti. Centro, periferie, litorale, ormai ovunque, questi odiosi reati contro negozi e attività in genere non solo non accennano a scemare, ma addirittura peggiorano, come purtroppo gli stessi dati dimostrano. Molto semplicemente, viviamo una costante tensione e abbiamo paura".

Secondo la Grassini "siamo in presenza di uno strano paradosso. Non si fa che parlare con insistenza di garantire sicurezza e ancora sicurezza, poi però le cronache quotidiane sono piene di furti e rapine, con noi commercianti sgomenti e impotenti di fronte a questi continui episodi criminali che non risparmiano niente e nessuno. In tutta sincerità ci sentiamo abbandonati e non vediamo azioni e reazioni di contrasto per arginare questi continui episodi. Non vogliamo certo sostituirci alle forze dell'ordine, al contrario, perchè la sicurezza è il loro compito esclusivo e il loro lavoro costituzionalmente previsto. Ma fate qualcosa".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La cosa che fa ancora più male - aggiunge e conclude Grassini - è che ormai sembra considerato normale che aziende e negozi siano quotidianamente premi di mira. Le priorità forse saranno altre, ma perchè a pagare per tutti dobbiamo essere noi imprenditori e i nostri dipendenti? Chi ha il dovere di intervenire è necessario che lo faccia prima che sia troppo tardi. L'installazione di telecamere è un fatto indiscutibilmente positivo, ma non possono essere considerate la panacea di tutti i mali. Da sola, nessuna telecamera potrà mai garantire standard minimi di sicurezza, perché per essere efficace occorre un costante, adeguato e capillare controllo del territorio da parte delle forze di polizia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovato morto con una freccia di balestra nel petto

  • Auto contro moto a San Giuliano Terme: muore 31enne

  • Lutto all'Aoup: dottoressa muore a 36 anni

  • Coronavirus in Toscana: solo 5 i nuovi casi, 2 i decessi

  • Coronavirus in Toscana, 12 nuovi casi: nel pisano 2 positivi in più e nessun decesso

  • Coronavirus in Toscana, solo 3 i nuovi casi: a Pisa zero nuovi contagi e nessun decesso

Torna su
PisaToday è in caricamento