Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca Cisanello / Via Giuseppe Moruzzi

CNR, donna sospetta nell'istituto: era la ladra di pc portatili

La giovane, una 29enne di Pietrasanta, aveva agito con l'aiuto del fidanzato. I due erano già noti alle forze dell'ordine: a settembre erano stati processati per un furto commesso all'interno della facoltà di Veterinaria

Due giovani J.G., fiorentino, di 25 anni, e la sua compagna A.T., di Pietrasanta di 29 anni, domiciliati però a Pisa, sono stati rintracciati nel pomeriggio di ieri e arrestati per flagrante furto aggravato, per aver asportato dagli uffici del CNR due computer portatili.

Sono circa le 15,30 circa di lunedì quando la sala operativa della questura di Pisa riceve una segnalazione di un dipendente del CNR che aveva sorpreso un’estranea nei corridoi dell’Istituto di Neuroscienze di via Moruzzi: la giovane era sospettata di essere l’autrice di un furto avvenuto poco prima all’interno dell’edificio.

La donna, invitata a dare spiegazioni sulla sua presenza, è fuggita uscendo dal CNR e scavalcando la recinzione metallica che dà su via Luzzato. Il testimone ha continuato a seguirla dando indicazioni al telefono alla sala operativa della questura.

La 29enne ad un certo punto è entrata in un campo e dietro la folta vegetazione è stata persa di vista dal dipendente dell'istituto. Dopo poco è uscita dalla boscaglia con un giaccone diverso dal precedente, è salita su una Fiat Seicento e insieme al conducente è ripartita in direzione di via Matteucci. Qui però la corsa dei fuggitivi è terminata visto che sono stati raggiunti dalle volanti della Polizia.

Durante il controllo la ragazza ha cercato di nascondere il pc portatile sotto l'auto, ma gli agenti si sono accorti del gesto e hanno recuperato il computer. Nella borsa della giovane è stato rinvenuto anche il caricabatterie. In seguito, grazie alla collaborazione della donna, la Polizia ha recuperato anche un altro portatile nascosto nei giardini adiacenti al CNR.

I due apparecchi sono stati restituiti ai legittimi proprietari, due ricercatori.

La coppia è stata arrestata. Questa mattina il giudice ha convalidato l’arresto e messo i due responsabili ai domiciliari, rinviando il processo al prossimo 18 giugno.
I due sono recidivi, Infatti nel settembre scorso erano stati giudicati per direttissima dal Giudice Monocratico del Tribunale di Pisa per essere stati arrestati per un fatto analogo commesso all’interno della facoltà di Veterinaria dell’Università di Pisa. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

CNR, donna sospetta nell'istituto: era la ladra di pc portatili

PisaToday è in caricamento