Cronaca

Pontedera, rubava oro nelle case in cui lavorava: scoperta badante-Lupin

La donna aveva sottratto numerosi gioielli dalle case in cui aveva prestato servizio. Rivendeva i monili ai negozi di "compro oro" ricavandone diverse migliaia di euro: è stata denunciata in stato di libertà

Sapeva come fare per conquistarsi la fiducia delle famiglie in cui lavorava come badante. In realtà, la donna, una 45enne bulgara, era un'abile ladra che riusciva a sottrarre dalle abitazioni gioielli e altri preziosi oggetti.

Nel gennaio di quest’anno, una cittadina italiana residente a Pontedera, ha denunciato il furto dalla propria abitazione di numerosi monili in oro e denaro, compreso un orologio di Bulgari, in oro massiccio, del valore di diverse migliaia di euro.
Le indagini condotte dal Commissariato di Polizia di Pontedera hanno permesso di individuare presso alcuni negozi di “compro oro” parte della refurtiva tra cui lo stesso orologio.
La refurtiva era stata venduta dalla donna bulgara che aveva prestato, per un limitato periodo di tempo, la propria attività di badante alla madre invalida convivente con la signora che aveva presentato appunto denuncia di furto.

Ulteriori indagini hanno consentito di accertare che la cittadina bulgara aveva posto in vendita, negli ultimi anni, in diversi negozi, numerosi monili in oro di vario genere, per un valore ricavato di diverse migliaia di euro. Così l'abitazione della badante è stata perquisita: all'interno sono stati trovati oggetti in oro e bigiotteria provento di furto ai danni di altre persone.

Ricostruita la pregressa attività lavorativa dell’indagata, tutte le persone venute in contatto con la badante sono state convocate al Commissariato. Diverse di loro, messe a conoscenza del motivo della convocazione, con sorpresa hanno scoperto di essere state vittime di furti di oggetti in oro di varia natura. La badante era brava ad acquisire la fiducia delle famiglie dove lavorava e a sottrarre oggetti di valore conservati per ricordo di persone scomparse e, quindi, di poco utilizzo.

Per alcuni derubati è stato possibile provvedere alla riconsegna degli oggetti sottratti, mentre per altri non è stato possibile perché i vari monili erano stati nel frattempo fusi dalle ditte di cui si servono i negozi di compravendita dell’oro usato.

La donna è stata denunciata in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Pisa per i reati di ricettazione e furto continuato.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pontedera, rubava oro nelle case in cui lavorava: scoperta badante-Lupin

PisaToday è in caricamento