rotate-mobile
Cronaca

Dal furto al tentato omicidio a coltellate: folle violenza al bar alla Torre

Arrestato un 37enne dopo che ha aggredito un cliente che lo aveva sorpreso mentre prendeva banconote dalla cassa

Beccato mentre ruba, tenta di tagliare la gola con un coltello alla 'spia', il giovane che lo aveva scoperto. Mattinata di violenza ieri, 30 maggio, nei locali del 'Charlie Bar' di via Cammeo. Un 37enne, residente a Cascina e già noto alle forze dell'ordine, è stato arrestato dalla Polizia con le accuse di tentato omicidio, furto aggravato e violazione della legge sulle armi. Su disposizione del Pubblico Ministero di turno è stato portato in carcere, dove sarà effettuato l'interrogatorio di garanzia.

La ricostruzione dei fatti al vaglio degli inquirenti vede l'inizio della vicenda proprio nel locale: il 37enne ha approfittato di una distrazione della barista per rubare dalla cassa alcune banconote. Un cliente, un 26enne di Pisa, se n'è accorto e ha avvisato la dipendente, che quindi ha minacciato di chiamare la Polizia. L'uomo ha reagito alla situazione prima aggredendo a mani nude il ragazzo. Poi è andato nella sua macchina parcheggiata lì vicino ed è tornato con un coltello da cucina di 23 centrimetri, accusando il 26enne di aver "fatto la spia" e sferrando fendenti ad altezza viso contro lui. L'aggredito si è difeso come ha potuto, rimanendo ferito alla mano e alla scapola. Altri clienti a quel punto sono intevenuti in soccorso del giovane e il 37enne, vistosi in minoranza e capendo che la Polizia sarebbe arrivata di lì a poco, è scappato.

Le Volanti erano però già vicine. Dopo aver tagliato la fuga all'uomo ai Bagni di Nerone, gli agenti hanno bloccato il malvivente superando la sua resistenza, ammanettandolo e portandolo infine in Questura. La perquisizione all'auto ha permesso di rinvenire e sequestrare il coltello utilizzato.

La vittima è stata portata in Pronto Soccorso, dove il medico ha suturato le ferite e rilasciato referto medico con alcuni giorni di prognosi. I sanitari avrebbero definito i colpi inferti come potenzialmente letali agli inquirenti, perché diretti verso parti vitali, e le ferite 'da difesa' riportate ne avrebbero dato un oggettivo riscontro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal furto al tentato omicidio a coltellate: folle violenza al bar alla Torre

PisaToday è in caricamento