Giardino Botanico di Cascina: "Area verde completamente distrutta"

La Lipu denuncia il taglio di tutte le alberature presenti deciso dall'amministrazione comunale: "Violate le normative vigenti"

L'orto botanico prima e dopo il taglio delle alberature (Foto di Marco Dinetti e Alessandra Greggio)

"Un'area verde completamente distrutta a seguito del taglio di tutte le alberature presenti". E' la denuncia di Lipu Pisa in merito al Giardino Botanico che si trovava tra il fiume Arno e la statale Tosco Romagnola, nel comune di Cascina. Il taglio delle piante è avvenuto a partire dal mese di aprile in conseguenza di un programma di potature deciso dall'amministrazione comunale. Potature che, per l'area in questione, hanno  provocato le lamentele dei cittadini e le conseguenti segnalazioni inviate dall'associazione ambientalista alla Polizia Provinciale e ai Carabinieri Forestali, con quest'ultimi che hanno "anche effettuato un sopralluogo per verificare l'accaduto".

"Si parla di interventi molto gravi - sottolinea la Lipu in una nota - non solo perchè sono state violate le normative vigenti, ma soprattutto perché si tratta di una gestione totalmente errata del patrimonio verde urbano". L'associazione ambientalista ha anche realizzato un dossier nel quale vengono evidenziate le caratteristiche botaniche e faunistiche dell’area e le numerose attività di educazione ambientale svolte dalla Lipu nel corso degli anni. "Il Giardino Botanico - prosegue l'associazione - era un ex vivaio trasformato in giardino pubblico, dove erano presenti circa 80 piante, alcune di notevoli dimensioni, e dove la Lipu nel 1999 realizzò un sentiero natura con l’allestimento di pannelli, nidi artificiali e una mangiatoia per attirare gli uccelli selvatici. Rappresentava quindi un ottimo luogo di sosta e aggregazione per i residenti oltre che un giardino adatto per le attività didattiche".

Secondo la Lipu per l'area "sarebbe stato auspicabile il totale recupero del giardino botanico, salvaguardando tutte le alberature presenti, e prevedendo il rifacimento dei percorsi e l'allestimento di nuove strutture. E' riconosciuto ormai da tempo che le aree verdi svolgono un ruolo fondamentale per la protezione della biodiversità, il giardino botanico, data anche la sua posizione nelle vicinanze del fiume Arno, rappresentava un 'tassello' nella cosiddetta rete ecologica, dove numerose specie faunistiche trovavano rifugio. Senza dimenticare tutte le altre funzioni svolte da alberi e arbusti, i cosiddetti servizi ecosistemici, che sono determinanti nell'equilibrio dell'ecosistema urbano".

L'associazione fa inoltre sapere di aver presentato al Comune "una richiesta formale di accesso agli atti per ottenere informazioni e fonti rispetto ai progetti passati sull'area e su quelli futuri. I tempi di attesa sembrano essere molto lunghi, ma i cittadini attendono risposte".

L'orto botanico prima e dopo il taglio delle alberature (Foto di Marco Dinetti e Alessandra Greggio)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus in Toscana: quasi 1900 nuovi casi e 44 decessi

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

Torna su
PisaToday è in caricamento