Cronaca

Animali: le associazioni lanciano la discussione per nuove regole

Sabato 14 aprile incontro aperto con le proposte per aggiornare il Regolamento comunale per la tutela degli animali. L'amministrazione poi annuncia 50mila euro di manutenzioni al canile

Che siano nostri compagni di vita, che facciano parte del settore alimentare o siano selvatici, gli animali sono una parte integrante della città. Il tema della loro tutela si è molto sviluppato negli ultimi anni, con novità legislative che il regolamento comunale dedicato da tempo non recepisce. Per questo 4 associazioni protezioniste, con i loro distaccamenti pisani, hanno deciso di promuovere un dibattito avanzando proposte di modifica all'amministrazione.

Così è nato l'appuntamento aperto a tutti di sabato 14 aprile alle ore 16, in Sala delle Baleari in Comune. Anpana (Associazione Nazionale Protezione Animali Natura Ambiente), Leal (Lega Antivivisezionista), Oipa (Organizzazione Internazionale Protezione Animale) e AnimAnimale affronteranno temi che riguardano sia gli animali di affezione, cani, gatti e volatili, che previsioni come la sperimentazione, la macellazione rituale, colonie feline e norme per i cavalli da traino, come per le carrozze che d'estate si vedono passare per le vie del centro.

"Il Regolamento comunale - ha spiegato Patrizia Dorcich di Oipa - è stato varato nel 2003, poi è stato modificato ma comunque prima di altre leggi che sono intercorse, come quella del 2007 che demanda la gestione delle adozioni e il loro controllo alle associazioni convenzionate e non a privati gestori di strutture, una misura che nel concreto non è mai stata applicata. Vogliamo quindi proporre all'amministrazione varie novità, che possano essere anche ampliate. Un esempio è aumentare la misura dei box dove vengono tenuti gli animali".

Le proposte verranno analizzate nel dettaglio all'incontro, ma come spiega Giovanni Campani di Anpana non si tratta solo di norme ma di divulgazione: "A volte nei nostri interventi vediamo situazioni difficili e quando le facciamo notare ci rispondono 'eh non lo sapevo'. Ecco quindi che un impegno del Comune nel prevedere un regolamento completo aiuta a conoscere le regole: non come capestro, ma come strumento di servizio, per imparare ad occuparsi con più cura dell'animale. La civile convivenza passa anche da questo".

Intanto l'amministrazione si muove sul lato infrastrutturale: "Dopo le segnalazioni di associzioni e singoli cittadini - ha annunciato l'assessore Andrea Serfogli - abbiamo intenzione di stanziare nella prossima variazione di bilancio 50mila euro per vari lavori di manutenzione al canile di Pisa. Ci sono diverse criticità che vanno avanti da tempo, questo permetterà di sistemare docce, box e pavimentazione, e cercheremo di intervenire sulla strada sterrata di collegamento, che diventa difficile quando piove. Contiamo di affidare i lavori prima dell'estate".

"Sono felice di questa iniziativa - ha concluso l'assessore Federico Eligi - innanzitutto perché parte da chi conosce bene le esigenze degli animali. Il confronto aperto è il migliore dei metodi, valuteremo ogni proposta, è un tema sentito dalla cittadinanza. Trovo giusto che poi le associazioni siano coinvolte nella gestione di strutture, poiché l'interesse è quello di riaffidare gli animali. Ovviamente con il regolamento poi saranno previste le relative sanzioni per i comportamenti scorretti riscontrati".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Animali: le associazioni lanciano la discussione per nuove regole

PisaToday è in caricamento