Martedì, 28 Settembre 2021
Cronaca Centro Storico / Lungarno Gambacorti

Multe ai residenti, per Il Sole 24 Ore Pisa è quinta in Italia. Dal Comune: "Dato falsato"

Gli assessori Serfogli e Gay sono intervenuti a seguito della pubblicazione della classifica del Sole 24Ore sulle multe pro capite che collocava Pisa al quinto posto in Italia. Ai residenti solo il 30% delle multe fatte in città, mentre il 70% risulta comminato a persone non residenti

Secondo la classifica annuale del Sole 24 Ore Pisa sarebbe al quinto posto in Italia, su cento Comuni capoluogo, per multe ai residenti dovute a violazioni del codice della strada. Ma il Comune non ci sta e ribatte subito che i dati sono falsati e che le sanzioni effettive ai residenti sono solo il 30%, mentre il 70% risulta a persone non residenti a Pisa. Gli assessori Andrea Serfogli e David Gay sottolineano che la quota procapite si ridemensionerebbe così a 29 euro e Pisa slitterebbe al 60° posto nella graduatoria.

"La verità è che, come ogni anno, la classifica pubblicata dal Sole 24Ore è falsata perchè non tiene conto delle specificità che hanno città come la nostra - hanno dichiarato gli assessori - dato che in realtà la spesa pro capite per multe di ciascun cittadino pisano è di poco meno di 29 euro all’anno. In questo modo, nella classifica del quotidiano economico, Pisa scivolerebbe al 60° posto, fra Arezzo e Trieste".

"Anche per il 2011, anno preso in condiserazione dal Sole 24 Ore - spiega Serfogli - i dati della Sepi, ossia della società di riscossione di tributi e sanzioni dell’amministrazione comunale, dicono che solo il 30% delle multe fatte nel territorio sono fatte a cittadini residenti mentre il 70% risulta a persone che non risiedono a Pisa. La cosa peraltro - aggiunge Gay - è del  tutto logica per chi conosce le caratteristiche della nostra città, con 85mila residenti ma abitata di fatto da circa 120mila persone e in cui settimanalmente entrano circa 500mila veicoli provenienti da altri comuni. L'iillogicità è nei criteri adottati dalla classifica stilata ogni anno dal Sole24 che continua a dividere il valore complessivo delle multe accertate per quello dei cittadini residenti come se tutte le multe fossero a carico di quest'ultimi".

Serfogli continua spiegando che per il dato reale basta dividere i circa 2,6 milioni, pari al 30% degli 8,7 milioni circa di multe accertate nel 2011 a Pisa per i 92mila cittadini iscritti in anagrafe e si arriva alla cifra corretta di quasi 29 euro pro capite per ciascun pisano. Per l'assessore comunale al Bilancio è da valorizzare la capacità di riscossione della Sepi. "A differenza di altri - conclude Serfogli -  il Comune di Pisa rispetta pienamente la norma del Codice della Strada, destinando il 50% dei proventi ai miglioramenti della sicurezza stradale. Ogni anno circa 3 milioni di euro vanno a Pisamo. In media ogni pisano spende 29 euro l'anno che gli ritornano indietro sotto forma di forma di interventi per la sicurezza stradale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Multe ai residenti, per Il Sole 24 Ore Pisa è quinta in Italia. Dal Comune: "Dato falsato"

PisaToday è in caricamento