Cronaca

Sciopero sociale bis: lavoratori, sindacati e studenti tornano in strada per bloccare la città

Venerdì due presidi sono previsti all'Aeroporto ed in Piazza Guerrazzi rispettivamente di lavoratori e studenti. Dalla mattina manifestazioni e cortei contro il Governo Renzi e poteri forti che lo appoggiano. Previsti disagi alla circolazione

Avevano promesso battaglia e così sarà. Dopo lo Sciopero Sociale del 16 ottobre tornano in piazza i lavoratori e gli studenti che in quella occasione avevano sfilato in corteo per tutta la città, con varie azioni dimostrative lungo il percorso. Questa volta i ritrovi saranno separati: alle ore 9 in Piazza dell'Aeroporto si riuniranno i dipendenti in sciopero ed i sindacati, mentre alle 8.30 in Piazza Guerrazzi si ritroveranno i vari movimenti studenteschi. L'iniziativa fa il paio con lo sciopero generale indetto dalla Fiom sempre per il 14 novembre per le aziende del centro-nord.

E' attesa una maggiore partecipazione rispetto la scorsa esperienza, è possibile che ci saranno forti disagi alla circolazione se i due cortei decidessero di muoversi in modo coordinato. Le motivazioni del manifestare sono le stesse della volta scorsa: tutela del diritto al lavoro e ad una retribuzione dignitosa, insieme al contrasto delle logiche speculative e di profitto che guidano le scelte di Governo e grandi lobby economiche. Saranno nuovamente in piazza i lavoratori della Gb srl degli autonoleggi dello scalo Galilei, insieme a quelli della Avr dell'igiene e manutenzione stradale in appalto Pisamo, che denunciano un arbitrario peggioramento delle loro condizioni salariali.

Contro la scuola-fabbrica invece gli studenti, che chiedono la messa in sicurezza dei locali e maggiori spazi autogestiti, per essere più protagonisti della propria formazione accademica. Altri punti dolenti denunciati sono il caro-libri e il caro-trasporti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sciopero sociale bis: lavoratori, sindacati e studenti tornano in strada per bloccare la città

PisaToday è in caricamento