Arno in piena, Ghezzi: "Il livello cresce ma nessuna criticità"

Il vicesindaco rassicura la popolazione che sta assistendo all'innalzamento del fiume. I livelli previsti sono molto inferiori all'emergenza del 2014

Vista la preoccupazione per l'Arno in piena a Pisa il vicesindaco con delega alla Protezione Civile Paolo Ghezzi chiarisce la situazione, sottolineando che i livelli del fiume sono sotto controllo.

"L'allerta per rischio idrogeologico/idraulico che è stata emanata in queste ore è di tipo giallo. Anche se i livelli del fiume continuano a crescere - dice Ghezzi - i modelli previsionali disponibili ad oggi non fanno prevedere condizioni di particolare criticità. Basta pensare che nella gestione delle due piene del febbraio 2014 erano previste piene superiori a 2500 mc/s, mentre al momento i modelli più conservativi annunciano piene non superiori a 1700 mc/s: il 30% in meno. In ogni caso la Protezione Civile comunale sta monitorando la situazione in continuo soprattutto nella sua evoluzione delle condizioni meteo sull'intero bacino del fiume Arno. Nel primo pomeriggio abbiamo provveduto ad inviare un avviso con queste informazioni a tutti coloro che ne hanno fatto richiesta attraverso il sistema Alert Pisa. L'invito - conclude il vicesindaco Ghezzi - è ancora una volta quello ad iscriversi al servizio per ricevere tutte le informazioni utili alla gestione di eventuali emergenze. Il servizio è modulabile attraverso il ricevimento di mail o attraverso l'APP gratuita scaricabile su smartphone o tablet. L'indirizzo di riferimento è www.comune.pisa.it/alertpisa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Olio di semi mescolato con il gasolio: denunciati gestori di distributore

  • I migliori sport e i trucchi per accelerare il metabolismo e dimagrire

  • Nubifragio in Valdera: allagamenti e disagi

  • Via le Rene: trovata auto incidentata cappottata nel fosso

  • Lotterie: vinto un milione di euro a Pisa

  • Si ferma ad un distributore e si masturba 'di fronte' ad una donna che fa rifornimento

Torna su
PisaToday è in caricamento