Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca

Va avanti il pignoramento dei costumi delle Repubbliche Marinare, il Comune: "Non si toccano"

Il Tribunale prosegue con la procedura che porterà alla vendita dei beni all'asta per coprire il debito che attualmente è di 4.200 euro

Martedì sera è arrivato l'atteso pronunciamento circa il pignoramento dei costumi delle Repubbliche Marinare. Il Tribunale ha stabilito che il procedimento va avanti, con la nomina del 'custode', nonostante il Comune di Pisa abbia dichiarato la sua esclusiva proprietà sui beni.

Si apre così la fase che dovrebbe portare alla vendita all'asta, al fine di dare al commercialista Celandroni quello che gli spetta: 4.200 euro per la sua attività legata al Comitato Armi, per un debito originario di 2mila euro risalente al 2008. Nuova udienza fissata per l'8 giugno.

"L'amministrazione - scrivono da Palazzo Gambacorti - dopo il pronunciamento del Giudice di cui il Comune di Pisa ha preso atto, ha deciso che i costumi non si toccano. E che farà tutto il possibile perché non siano i 4mila euro responsabili di un atto gravissimo contro Pisa, le sue tradizioni e la sua storia".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Va avanti il pignoramento dei costumi delle Repubbliche Marinare, il Comune: "Non si toccano"

PisaToday è in caricamento