Venerdì, 18 Giugno 2021
Cronaca Porta a Mare / Via Aurelia

Porta a Mare, un volto nuovo: pronte le prime abitazioni a prezzo convenzionato

Destinate a famiglie che cercano la prima casa, venti di esse hanno già trovato un acquirente. A fine anno saranno completati i lavori per la sistemazione urbanistica circostante. Alcuni residenti scontenti della nuova viabilità

Si conclude nei tempi previsti la realizzazione del primo blocco di abitazioni del nuovo polo residenziale dell’area ex Saint Gobain, fra l’Aurelia e via Livornese. L’edificio, adiacente alla Coop inaugurata il 6 marzo scorso, raccoglie in sé le 44 abitazioni la cui vendita costerà, per coloro che acquistano come prima casa, in media 30mila euro in meno rispetto i prezzi di mercato. La struttura di fronte invece, anch’essa suddivisa in 44 appartamenti in vendita in regime ordinario, sarà pronta per fine anno insieme alla piazza sottostante, l’arredo urbano e la viabilità, così come la ventina di uffici della palazzina sovrastante il supermercato. Si completerà così l’unità immobiliare numero 1 dell’intero progetto (sono 4 in totale), il quale prevede la realizzazione, entro il 2020, di altri 6 edifici per un totale di 350 abitazioni con al centro un parco di verde pubblico. 

I NUMERI DEL PROGETTO. Il consorzio 'Ville Urbane', composto dalle imprese edili Cmsa di Montecatini Terme, Braccianti di Vicopisano e La Rinascita di Latignano, ha già investito poco meno di 40 milioni di euro nella riqualificazione dell’area di circa 35mila metri quadrati, precedentemente di proprietà della multinazionale francese. Fondamentale per la riuscita dell’intervento è stato l’accordo fra Comune e Saint Gobain del luglio 2007, il quale ha permesso all’azienda l’investimento di 95 milioni di euro per il nuovo forno dall’altra parte dell’Aurelia, cifra in parte finanziata dai 13 milioni pagati dal consorzio per acquisire i terreni su cui il Comune ha poi concesso i permessi edilizi.

Queste manovre, insieme agli interventi di riqualificazione precedenti della rotatoria di Ponte a Paglieri e dei parcheggi di via Chiassatello, hanno permesso al quartiere di dotarsi di nuove strutture di urbanizzazione, realizzate a scomputo da 'Ville Urbane' per un totale di circa 1.7 milioni. A ciò si aggiungono i 1.4 milioni del comparto per piazza centrale, illuminazione, parcheggi, verde pubblico e allacciamento alle reti infrastrutturali di fogne, luce, gas e telefono.

Grande la soddisfazione espressa dalle istituzioni. Ylenia Zambito, assessore all’Urbanistica: "Un intervento difficile in questa crisi economica ed edilizia, eppure realizzato, capace di migliorare la vivibilità del quartiere. Esperienza da ripetere in altre zone". Il sindaco Filippeschi sottolinea la lungimiranza delle scelte amministrative: "Con la Saint Gobain ancora attiva abbiamo tutelato 350 lavoratori ed insieme facilitato chi ha bisogno della prima casa"; poi lancia l’idea: “Vieni a vivere a Pisa”, un progetto di marketing della città, per essere competitivi nell’offerta immobiliare ragionata, da fare insieme alle imprese». 

Il presidente del consorzio 'Ville Urbane' Adolfo Braccini: "Fra mono, bilocali ed attico il costo medio convenzionato è di 2400 euro al metroquadro rispetto i 2800 ordinari, ed ogni casa ha garage, posto auto e cantina. Felici della prima risposta del mercato".

Scontenti invece dell’organizzazione della viabilità alcuni residenti della vicina via Aldo Moro, chiusa dalla nuova sistemazione all’accesso della circolazione. Uno striscione lasciato appeso sulla cancellata vicina al sottopasso recitava: “Immettiamo V. Aldo Moro in rotatoria”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porta a Mare, un volto nuovo: pronte le prime abitazioni a prezzo convenzionato

PisaToday è in caricamento