Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca

Troppe polveri sottili nell'aria: scatta il divieto di accendere fuochi all'aperto

Il provvedimento è stato adottato dai sindaci del Comprensorio del Cuoio a seguito dei rilevamenti di Arpat. Nell'ordinanza si invitano i cittadini a limitare l’uso dei mezzi dei privati, privilegiando quelli pubblici

L’Arpat, Agenzia regionale per la Protezione ambientale della Toscana, ha comunicato ieri, mercoledì 8 gennaio, il raggiungimento del livello di criticità 2 nell'area del Comprensorio del Cuoio di Santa Croce sull’Arno. L’agenzia ha infatti rilevato 5 superamenti del valore limite per la media giornaliera del PM10 negli ultimi 7 giorni e sono previsti 2 giorni con condizioni meteo critiche

Viste le condizioni meteo favorevoli all'accumulo degli inquinanti, i sindaci di San Miniato, Santa Croce sull’Arno, Castelfranco di Sotto e Montopoli in Val d’Arno hanno firmato delle ordinanze sindacali per l'adozione di provvedimenti urgenti per la lotta all'inquinamento atmosferico che resteranno in vigore dall'8 al 12 gennaio. Nel provvedimento si ordina il divieto di accensione di fuochi all'aperto e abbruciamenti di sfalci, potature, residui vegetali o altro. Inoltre si invitano i cittadini a limitare l’uso dei mezzi di trasporto privati, privilegiando quelli pubblici o altri a basso impatto ambientale. Dopo i 5 giorni di validità dell’ordinanza il provvedimento potrà essere nuovamente emanato, fino al 31 marzo, ogni volta che perverrà una comunicazione da parte di Arpat relativa al raggiungimento del livello di criticità 2. Tutti i contravventori saranno puniti a termini di legge.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Troppe polveri sottili nell'aria: scatta il divieto di accendere fuochi all'aperto

PisaToday è in caricamento