Ombrellone e sdraio a 5 euro settimanali per famiglie in difficoltà

E' il progetto ARSElla 20 20 attivo al Bagno degli Americani. E' riservato a redditi non superiori a 12mila euro e per casi di indigenza temporanea legati al Covid-19

Si chiama ARSElla 20 20 il progetto di inclusione sociale proposto e organizzato dal Comune di Pisa in collaborazione con il Bagno degli Americani. Il progetto consente di affittare un ombrellone, due sedie sdraio e accesso allo spogliatoio comune al prezzo simbolico di 5 euro settimanali (da lunedì al venerdì, quindi sabato, domenica e festivi esclusi) e si rivolge a famiglie o singoli maggiorenni (non più di quattro persone a ombrellone, incluso il richiedente) residenti nel Comune di Pisa con reddito familiare non superiore a 12mila euro l'anno e indigenza temporanea a causa dell'emergenza Covid-19.

Il progetto, già attivo, durerà fino al 20 settembre e potrà ricevere 33 adesioni a rotazione nel corso dell'estate 2020. Per la domanda e tutte le informazioni utili è possibile fare richiesta scrivendo all'indirizzo palp.pari@gmail.com, dove risponderà la Pubblica Assistenza del Litorale Pisano. Si può contattare anche il numero 05036750. Orari: martedì 15-18 e venerdì 9-13. Coloro che hanno un nucleo familiare composto da un numero uguale o superiore a 4 persone avranno diritto a richiedere (nei limiti delle disponibilità di posti) una settimana aggiuntiva a settembre (sabato, domenica e festivi esclusi).

Gianna Gambaccini, assessore alle politiche sociali del Comune di Pisa: "E' un progetto che, insieme al Bagno degli Americani, abbiamo pensato già dall’estate scorsa per offrire opportunità di riposo e relax a quei nuclei familiari, spesso giovani e con bambini, con difficoltà economiche e che assume una particolare rilevanza quest'anno, alla luce delle conseguenze economiche e sociali dell'emergenza Covid-19. Siamo contenti di essere riusciti ad attivarlo, nel rispetto di tutte le normative in materia di sicurezza e prevenzione del contagio. Riuscirvi non era scontato e ce l'abbiamo fatta solo grazie alla grande collaborazione fra tutti i partner del progetto".

Aldo Cavalli, presidente della Pubblica Assistenza del Litorale Pisano: "Seguire e offrire un servizio così importante e inclusivo è perfettamente in linea con lo spirito e gli scopi della Pubblica Assistenza. Su iniziative di questo genere l'associazione è sempre a disposizione con i propri volontari e dipendenti per assistere le persone che hanno bisogno. Sul litorale offriamo servizi per andare incontro a turisti e residenti, come il servizio infermieristico, che prenderà il via il 18 di luglio e si svolgerà nella nostra sede con un infermiere a disposizione dei fruitori del litorale. Nella sede di Calambrone, inoltre, abbiamo degli specialisti a cui accede, con convenzione, il personale della base di Camp Darby".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La finalità del progetto si sposa perfettamente con la filosofia che sta alla base del Bagno degli Americani - affermano Davide Bani e Alberto Gabbrielli dell'associazione Cineclub - vale a dire accessibilità totale alla spiaggia e ai suoi servizi: vale per la disabilità e anche per il reddito, che non devono essere fonte di discriminazione in alcun modo. Vogliamo una stagione inclusiva a beneficio di più persone possibile, soprattutto dopo ciò che abbiamo passato negli scorsi mesi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale davanti allo stadio a Pontedera: muore 30enne

  • Covid a scuola: classi in quarantena nel pisano

  • Covid in classe: cinque nuovi casi nelle scuole di Pisa

  • Barman deceduto a Pontedera: annullata la Festa del Commercio

  • Mareggiata a Marina di Pisa: allagamenti e pietre sul lungomare

  • Coronavirus in Toscana: 156 casi in più, 32 a Pisa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento