Ombrellone e sdraio a 5 euro settimanali per famiglie in difficoltà

E' il progetto ARSElla 20 20 attivo al Bagno degli Americani. E' riservato a redditi non superiori a 12mila euro e per casi di indigenza temporanea legati al Covid-19

Si chiama ARSElla 20 20 il progetto di inclusione sociale proposto e organizzato dal Comune di Pisa in collaborazione con il Bagno degli Americani. Il progetto consente di affittare un ombrellone, due sedie sdraio e accesso allo spogliatoio comune al prezzo simbolico di 5 euro settimanali (da lunedì al venerdì, quindi sabato, domenica e festivi esclusi) e si rivolge a famiglie o singoli maggiorenni (non più di quattro persone a ombrellone, incluso il richiedente) residenti nel Comune di Pisa con reddito familiare non superiore a 12mila euro l'anno e indigenza temporanea a causa dell'emergenza Covid-19.

Il progetto, già attivo, durerà fino al 20 settembre e potrà ricevere 33 adesioni a rotazione nel corso dell'estate 2020. Per la domanda e tutte le informazioni utili è possibile fare richiesta scrivendo all'indirizzo palp.pari@gmail.com, dove risponderà la Pubblica Assistenza del Litorale Pisano. Si può contattare anche il numero 05036750. Orari: martedì 15-18 e venerdì 9-13. Coloro che hanno un nucleo familiare composto da un numero uguale o superiore a 4 persone avranno diritto a richiedere (nei limiti delle disponibilità di posti) una settimana aggiuntiva a settembre (sabato, domenica e festivi esclusi).

Gianna Gambaccini, assessore alle politiche sociali del Comune di Pisa: "E' un progetto che, insieme al Bagno degli Americani, abbiamo pensato già dall’estate scorsa per offrire opportunità di riposo e relax a quei nuclei familiari, spesso giovani e con bambini, con difficoltà economiche e che assume una particolare rilevanza quest'anno, alla luce delle conseguenze economiche e sociali dell'emergenza Covid-19. Siamo contenti di essere riusciti ad attivarlo, nel rispetto di tutte le normative in materia di sicurezza e prevenzione del contagio. Riuscirvi non era scontato e ce l'abbiamo fatta solo grazie alla grande collaborazione fra tutti i partner del progetto".

Aldo Cavalli, presidente della Pubblica Assistenza del Litorale Pisano: "Seguire e offrire un servizio così importante e inclusivo è perfettamente in linea con lo spirito e gli scopi della Pubblica Assistenza. Su iniziative di questo genere l'associazione è sempre a disposizione con i propri volontari e dipendenti per assistere le persone che hanno bisogno. Sul litorale offriamo servizi per andare incontro a turisti e residenti, come il servizio infermieristico, che prenderà il via il 18 di luglio e si svolgerà nella nostra sede con un infermiere a disposizione dei fruitori del litorale. Nella sede di Calambrone, inoltre, abbiamo degli specialisti a cui accede, con convenzione, il personale della base di Camp Darby".

"La finalità del progetto si sposa perfettamente con la filosofia che sta alla base del Bagno degli Americani - affermano Davide Bani e Alberto Gabbrielli dell'associazione Cineclub - vale a dire accessibilità totale alla spiaggia e ai suoi servizi: vale per la disabilità e anche per il reddito, che non devono essere fonte di discriminazione in alcun modo. Vogliamo una stagione inclusiva a beneficio di più persone possibile, soprattutto dopo ciò che abbiamo passato negli scorsi mesi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto dal 16 gennaio: prosegue lo stop agli spostamenti tra regioni

  • Toscana zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 16 gennaio

  • Coronavirus, le palestre GimFive in protesta: anche a Pontedera struttura aperta il 15 gennaio

  • Emergenza, ipotesi divieto di asporto dopo le 18 per i bar: "E' tempo di disobbedire"

  • Addio a Merlino, l'alano pisano star dei social

  • Coronavirus in Toscana: sono 436 i nuovi casi positivi

Torna su
PisaToday è in caricamento