Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca Centro Storico / Largo Ciro Menotti

Stop agli allevamenti intensivi: Greenpeace protesta davanti al supermercato

Gli attivisti chiedono al Governo di usare i fondi pubblici per accompagnare una transizione ecologica, sostenendo economicamente le aziende che producono su piccola scala

Ieri i volontari e le volontarie di Greenpeace sono entrati in azione a Pisa per chiedere di cambiare il sistema di produzione di cibo e abbandonare il sistema degli allevamenti intensivi. Gruppi di volontari dell'associazione ambientalista hanno allestito dei punti informativi di fronte al supermercato PAM in Largo Ciro Menotti, con 'carrelli parlanti' che mostravano le conseguenze ambientali e sanitarie della zootecnia intensiva, mentre dei finti spot promozionali invitavano a scoprire le 'offerte sconvenienti' del sistema degli allevamenti intensivi.

“La produzione intensiva di carne è uno dei principali motori di deforestazione e perdita di biodiversità, due importanti fattori di rischio per il verificarsi di epidemie, perché possono favorire nuovi salti di specie (spillover) di virus e batteri dagli animali agli esseri umani. Negli allevamenti intensivi, inoltre, tanti animali sono costretti a vivere in spazi ristretti: un ambiente ideale per il proliferare di agenti patogeni come i coronavirus e i virus dell’influenza. Anche se non compare in etichetta, il rischio di nuove epidemie è un prezzo troppo alto da pagare per continuare a produrre sempre più carne a basso costo” dichiara Simona Savini, campagna Agricoltura di Greenpeace Italia.

All'attività erano presenti anche i volontari e le volontarie della Rete Pisa Solidale che hanno preso parte alla protesta. "A fronte di sempre più persone che non possono permettersi una dieta adeguata e di lavoratori e lavoratrici con sempre meno diritti, i giganti della Grande Distruzione Organizzata e dell'industria del cibo aumentano sempre di più i loro guadagni. La Rete vuole essere una risposta a tutto questo: una filiera alternativa e solidale per permettere a tutte e tutti di avere cibo sano e di qualità, possibile solo grazie alla collaborazione con le aziende del territorio e con i Gruppi di Acquisto Solidale" affermano i volontari e le volontarie di Rete Pisa Solidale.

Greenpeace chiede al Governo di usare i fondi pubblici per accompagnare una transizione ecologica del settore, sostenendo economicamente le aziende che producono su piccola scala e gli allevatori che intendono uscire dal modello intensivo riducendo anche il numero degli animali allevati.

Link petizione: stopallevamenti.greenpeace.it


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stop agli allevamenti intensivi: Greenpeace protesta davanti al supermercato

PisaToday è in caricamento