Domenica, 19 Settembre 2021
Cronaca

Lotta alle erbacce: pulizia di marciapiedi e zanelle

Tre squadre di operai al lavoro dall’inizio di aprile. Entro la fine di maggio intervento completato in tutti i quartieri della città. Il secondo “giro” è già fissato per giugno e luglio mentre il terzo sarà programmato in autunno

Le foto del marciapiede della Chiesa di San Sepolcro, in San Martino, prima e dopo l’intervento

Centocinquantamila euro l’anno per la pulizia di marciapiede e zanelle delle strade e dei percorsi pedonali cittadini. E’ quanto ha stanziato Pisamo, nuovo soggetto unico gestore del servizio, su richiesta dell’amministrazione che ha dichiarato guerra ad uno dei fenomeni d’incuria e degrado maggiormente sentiti e denunciati dai cittadini.

Tre le squadre messe in campo dalla Pisamo per un totale di sei operai muniti di pala ogni giorno sulle strade impegnati nella lotta contro le erbe infestanti. L’intervento è iniziato dal primo aprile scorso dal centro storico ed i benefici sono già visibili nei quartieri di San Francesco, Sant’Antonio, San Martino e Santa Maria.

Dopo è stata la volta di Barbaricina e del Cep, mentre attualmente una squadra ha appena concluso i lavori nella zona della Stazione e si è spostata nel quartiere di San Marco da dove proseguirà per San Giusto e, quindi, Sant’Ermete e Putignano. Le altre due, invece, si stanno occupando, rispettivamente, dei quartieri di Gagno, I Passi, Porta a Lucca e Porta Nuova e di quelli di Porta a Mare, La Vettola e San Piero a Grado. Entro la fine di maggio, comunque, le tre squadre avranno completato il primo giro di tutti i quartieri. Il secondo sarà effettuato fra giugno e luglio e il terzo in autunno: l’obiettivo è di ridurre il più possibile il degrado e l’incuria dalle strade della città, sia in centro che nelle periferie.marciapiede della Chiesa di San Sepolcro-2

Intanto da ieri sono ripresi i lavori alla Sesta Porta, il grande cantiere di via Battisti in cui troverà spazio anche la nuova stazione degli autobus direttamente collegata a quella ferroviaria. Dopo i problemi alle palancole del marzo scorso, i progettisti hanno deciso di ridurre la profondità dello scavo: invece che altri tre metri, quindi, i mezzi della Clc, l’azienda livornese che si è aggiudicata i lavori, scaveranno ancora per altri cinquanta centimetri circa. L’intervento vero e proprio entrerà nel vivo a partire dalla prossima settimana.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lotta alle erbacce: pulizia di marciapiedi e zanelle

PisaToday è in caricamento