Giovedì, 23 Settembre 2021
Cronaca

Reddito di cittadinanza: pioggia di telefonate al Patronato Acli, ma è ancora presto

L'invito dall'Acli è quello di fare intanto la certificazione Isee, per il reddito di cittadinanza non ci sono indicazioni operative

Centralini presi di assalto per richieste sul reddito di cittadinanza. Sono già 6.000 le telefonate arrivate al Caf e al Patronato Acli di Pisa da quando, dieci giorni fa, il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto che dà il via libera al reddito di cittadinanza. Lo rende noto la stessa Acli pisana.
E tra le tante telefonate c’è anche chi si presenta direttamente allo sportello, chi prende contatti tramite social network e la mail. La maggior parte chiama, scrive e domanda per fissare un appuntamento per fare la richiesta di accesso al reddito di cittadinanza. Ma la risposta dal Patronato è sempre la stessa: “E’ ancora troppo presto, non abbiamo indicazioni operative”.

Il consiglio per tutti è di fare intanto la certificazione Isee che serve per valutare e confrontare la situazione economica delle famiglie che intendono richiedere una qualsiasi prestazione sociale agevolata. Tutto il resto delle operazioni, come dice il decreto, è rimandato a marzo, il reddito di cittadinanza sarà operativo da aprile.

“Per i nostri centralini sono giorni impegnativi - commenta Giacomo Martelli, responsabile dei servizi delle Acli di Pisa - non è passato il messaggio che non basta l’approvazione di un decreto per far partire una procedura. La realtà è che non abbiamo ad ora indicazioni operative ed è stata evidentemente sottovalutata la reazione di chi aspetta il sostegno economico”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Reddito di cittadinanza: pioggia di telefonate al Patronato Acli, ma è ancora presto

PisaToday è in caricamento