Cronaca

Caso Ragusa: ricorso in Cassazione per il marito Antonio Logli

L'ex elettricista della Geste, assistito dai legali Sergiampietri e Cavani, si affiderà alla Suprema Corte: al centro del ricorso alcuni passaggi illogici nella ricostruzione

Si apre l'atto finale del processo a carico di Antonio Logli, condannato in secondo grado per l'uccisione e la distruzione del cadavere della moglie Roberta Ragusa, scomparsa nel gennaio 2012 e il cui corpo, nonostante ricerche serrate durate mesi, non è mai stato ritrovato.
I legali di Logli, Saverio Sergiampietri e Roberto Cavani, hanno depositato il ricorso in Cassazione. Secondo la difesa infatti ci sarebbero passaggi illogici nella ricostruzione basata su orari e testimoni.

L'udienza sarà celebrata almeno tra un anno: a quel punto, in caso di respingimento di ricorso da parte della Suprema Corte, per Logli potrebbero spalancarsi le porte del carcere.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Ragusa: ricorso in Cassazione per il marito Antonio Logli

PisaToday è in caricamento