rotate-mobile
Cronaca Pratale / Via San Giovanni Bosco

Dissidente turca scarcerata: : "Io, arrestata, torturata e violentata"

Seda Aktepe che ha lasciato mercoledì il carcere Don Bosco di Pisa, dopo la revoca della misura cautelare comunicata dalle autorità turche, afferma di non essere una terrorista e ripercorre la sua vicenda

"Non sono una terrorista, ho solo partecipato ad Ankara a una manifestazione contro l'inasprimento delle condizioni detentive dei prigionieri, ma per questo in Turchia sono stata arrestata, torturata e violentata". Lo ha detto Seda Aktepe, la dissidente turca scarcerata mercoledì pomeriggio dopo la revoca della misura cautelare comunicata dalle autorità turche.


La giovane era stata bloccata in un ostello di Castiglioncello dove si trovava in vacanza con il fidanzato il 30 aprile scorso. "La manifestazione risale al 2004 e fui arrestata insieme ad altre 45 persone - ha ricordato la dissidente che ora tornerà in Svizzera, che le ha riconosciuto lo status di rifugiata politica - e solo al successivo processo l'imputazione divenne di terrorismo perché simpatizzavo per il Mlkp, un'organizzazione della sinistra radicale (messa fuori legge nel 2007 dal governo turco). La condanna definitiva è arrivata nel 2010, a sette anni di reclusione, ma io l'anno prima sono riuscita ad andare in Svizzera per sfuggire alla persecuzione attuata dalle autorità turche".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dissidente turca scarcerata: : "Io, arrestata, torturata e violentata"

PisaToday è in caricamento