Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca

Camorra, maxi sequestro di beni per appalti illeciti: operazione anche in provincia di Pisa

I due fratelli, Pasquale e Giuseppe Mastrominico, affiliati al clan dei Casalesi, sono accusati di aver partecipato all'aggiudicazione di appalti pubblici nel settore edile accordandosi con esponenti del clan mafioso

Riguarda anche beni presenti in provincia di Pisa, l'operazione dei Carabinieri del reparto Operativo di Caserta che stanno eseguendo un decreto di sequestro preventivo di beni mobili e immobili, società e rapporti finanziari, per un valore complessivo di circa 40 milioni di euro, nei confronti di due indagati, affiliati al clan dei Casalesi-fazione Iovine, i fratelli Pasquale e Giuseppe Mastrominico.

Il provvedimento, emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere a seguito di mirate indagini svolte dai Carabinieri, sarà notificato anche ad altre 22 persone, terze intestatarie dei beni, individuate tra parenti e soci nelle attività economiche.

Il sequestro ha riguardato, in particolare, i beni di seguito elencati, ubicati nelle provincie di Caserta, Napoli, Latina, Frosinone, L'Aquila e Pisa:

- 102 terreni agricoli;
- 78 appartamenti;
- 8 appartamenti uso ufficio;
- 20 aree urbane;
- 13 imprese edili/immobiliari;
- 2 fabbricati rurali;
- 84 autorimesse;
- 3 lastrici solari;
- 16 locali deposito industriali;
- 25 veicoli;
- 59 rapporti bancari.


I destinatari dei provvedimenti, nelle veste di imprenditori, hanno partecipato all'aggiudicazione di appalti pubblici nel settore edile, accordandosi con esponenti apicali del clan Iovine dai quali ricevevano appoggio per garantirsi l'assegnazione.

L'indagine patrimoniale, condotta dai Carabinieri, è frutto di accertamenti nei confronti di soggetti contigui alla compagine criminale che, nel 2011, avevano già portato all'arresto di 12 persone per i reati di concorso in associazione di tipo mafioso, illecita concorrenza con minaccia o violenza, turbativa d'asta, estorsione e condizionamento consultazioni elettorali, con l'aggravante del metodo mafioso.



 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Camorra, maxi sequestro di beni per appalti illeciti: operazione anche in provincia di Pisa

PisaToday è in caricamento