Cronaca

Sesta Porta, la Polizia Municipale: "Struttura non idonea e poco sicura"

Uffici troppo piccoli, spogliatoi umidi e assenza di un parcheggio per i lavoratori. Sono diverse le criticità segnalate dai dipendenti riguardo alla nuova sede: "Situazione fuori controllo. Le nostre richieste non sono mai state ascoltate"

Uffici troppo piccoli, spogliatoi umidi, assenza di un parcheggio per i dipendenti. Sono solo alcune delle criticità denunciate dal personale della Polizia Municipale riguardo alla nuova sede ospitata nella struttura della Sesta Porta. Criticità segnalate in una lettera che i sindacati - Uil-Fpl Pisa e Cobas Pisa - hanno inviato al sindaco Filippeschi, al Consiglio Comunale, all’ufficio prevenzione e protezione del Comune e al comandante della Polizia Municipale, Pescatore.

"In più occasioni - esordiscono i sindacati - è stato sollevato il problema della inidoneità della struttura della Sesta Porta ad ospitare un presidio di polizia, vuoi per motivi di sicurezza, vuoi per motivi prettamente logistici. Purtroppo le nostre proposte non sono state accolte e oggi i lavoratori si trovano, da soli, a gestire una situazione completamente fuori controllo. Tanto per dirne una, le stanze idonee ad ospitare due dipendenti vengono occupate da 3, 4 o anche 5 Persone, mentre parte dei piani alti della Sesta Porta, nei quali  hanno trovato collocazione alcuni uffici comunali, sono rimasti vuoti  per anni".

I sindacati denunciano criticità anche per quanto riguarda gli spogliatoi. "Lo spazio a disposizione è insufficiente - sottolineano Uil-Fpl Pisa e Cobas Pisa - tanto che una serie di armadietti sono stati relegati nel corridoio. Uno dei 2 vani che compongono lo spogliatoio maschile, inoltre, è sprovvisto di impianto d’areazione tanto che in estate diventa impossibile soggiornarvi anche soltanto per per cambiarsi. La collocazione sotterranea ha inoltre fatto sì che l’umidità aggredisse la struttura creando un ambiente particolarmente insalubre per la salute di dipendenti e frequentatori, soprattutto a causa delle ampie e diffuse colonie di muffa".

Ma i problemi, per quanto riguarda gli spogliatoi, non finiscono qui. "Sovente - continuano i sindacati - scatta l’allarme dell’edificio senza una causa specifica ma per un  semplice difetto dell’impianto che, a quanto ci risulta, non è stato ancora riparato nonostante i numerosi solleciti. Questo fa sì che per ore l’allarme acustico in funzione impedisca l’accesso agli spogliatoi i quali, trovandosi nel sottosuolo, dispongono di una acustica che ne amplifica l’effetto".

Particolarmente contestato anche il sottopasso pubblico che conduce all'accesso del parcheggio delle Ferrovie. "In periodi in cui si susseguono attentati in tutta Europa - scrivono i sindacati - un sottopasso aperto al pubblico in una struttura che ospita un presidio di Polizia potrebbe risultare particolarmente allettante per individui senza scrupoli. Inoltre i veicoli della Polizia Municipale dovranno, in entrata o in uscita, passare sotto due distinte sbarre del parcheggio e, in caso di urgenze, si potrebbero creare innumerevoli problemi".

Infine il parcheggio. "Appare paradossale - scrivono Cobas e Uil-Fpl - che i lavoratori non dispongano di soluzioni di parcheggio anche minime. Fermo restando che la soluzione dovrebbe essere quella di destinare la caserma della Polizia Municipale ad altro luogo, occorre ripristinare la possibilità di sosta nella zona limitrofa a via Battisti come soluzione provvisoria. Altra opzione sarebbe avere accesso al parcheggio Fs alla stessa tariffa o a quello attualmente utilizzato dai dipendenti del Ctt, che potrebbe essere riqualificato in un progetto più ampio comprendente giardini ed un passaggio pedonale per gli studenti\cittadini che devono  raggiungere il capolinea bus e che attualmente invadono letteralmente via Battisti".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sesta Porta, la Polizia Municipale: "Struttura non idonea e poco sicura"

PisaToday è in caricamento