menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spiagge di ghiaia: sopralluogo del presidente della Toscana con il sindaco Conti

Visita a Marina di Pisa per Eugenio Giani in compagnia del primo cittadino di Pisa

L'ultima mareggiata, una settimana fa, aveva obbligato il Comune di Pisa a chiudere il lungomare, con la ghiaia delle spiagge di Marina che aveva invaso la passeggiata. Disagi ed erosione sono temi discussi ormai da tempo, con un dialogo fra amministrazione e Regione Toscana non sempre facile. Oggi pomeriggio, 30 gennaio, si è svolto un sopralluogo da parte del presidente Eugenio Giani sul litorale pisano, a cui ha presenziato anche il sindaco Michele Conti. 

Un confronto accolto con favore dal primo cittadino, definito come un "fatto positivo. Dopo l’ultima mareggiata che ha provocato danni e disagi sul Lungomare avevo rivolto un appello al Presidente affinché fossero finalmente completati i lavori di difesa idraulica che ancora mancano per evitare che acqua e sassi invadano la strada ogni volta che c’è maltempo. L’impegno preso dai rappresentanti della Regione ci rassicura, abbiamo chiesto che si faccia presto. Va fatta una riflessione approfondita, dopo gli interventi urgenti, per affrontare il problema in maniera complessiva e definitiva. Ma non lo può fare il Comune da solo, ci vorrà l’impegno della Regione e degli altri enti coinvolti".

"Su questo fronte - relaziona Conti - ho chiesto a Giani un’attenzione particolare al fenomeno dell’erosione che potrebbe potenzialmente aggravarsi per il nostro Litorale anche alla luce della realizzazione della Darsena Europa nel Porto di Livorno. E’ necessario che siano indagate a fondo le conseguenze possibili in termini di impatto ambientale e di inquinamento, assolutamente da evitare per le acque che lambiscono le nostre località balneari, insignite della Bandiera Blu e che, insieme alle spiagge del Parco di Migliarino San Rossore e Massaciuccoli, costituiscono un prezioso patrimonio naturale da salvaguardare e proteggere. Noi abbiamo commissionato uno studio stanziando 30mila euro, chiedo alla Regione altrettanta attenzione".

A dare impulso per il sopralluogo e presenziare all'appuntamento è stato il presidente del Consiglio Regionale Antonio Mazzeo, che ha precisato: "In questo caso specifico abbiamo due esigenze. La prima è di intervenire con soluzioni immediate per mettere in sicurezza la costa di Marina di Pisa. E in questo caso serve una spianatura continua, non solo una volta all'anno. Ma deve essere chiaro che se la Regione ci mette le risorse, come ha sempre fatto in questi anni, il Comune deve poi garantire che gli interventi siano costanti e rapidi perché i cittadini hanno bisogno di chiarezza e non di continui rimpalli tra istituzioni. La seconda esigenza richiede invece interventi di più ampio respiro perché ci troviamo di fronte a un nodo strutturale, quello dell'erosione, che tocca praticamente tutta la nostra costa Tirrenica da Carrara fino alla Maremma. C'è quindi bisogno di un intervento altrettanto strutturale. Un piano che nel caso di Marina di Pisa, facendo tesoro delle esperienze di questi anni, dovrebbe prevedere protezioni della linea di costa sul modello della vasca che ha dato i risultati migliori sia di contenimento del fenomeno erosivo sia di consolidamento della spiaggia. In questo caso le risorse utilizzabili sono quelle dei fondi Ue del Recovery Plan e c'è la disponibilità della Regione a valutare il progetto per inserirlo nelle proprie richieste al Governo".  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Arredamento open space: come avere una casa di tendenza

social

Dolci sfiziosi, la ricetta della torta di mele e Nutella

social

Riapre la gelateria De' Coltelli dopo la pausa invernale

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus in Toscana: sono 1126 i nuovi casi positivi

  • Cronaca

    Viola più volte l'obbligo di dimora: in carcere

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento