Largo Ciro Menotti: ecco la statua di Galileo Galilei

Inaugurata sabato mattina l'opera realizzata da Gabriele Vicari e Armando Barbon. Si tratta di una collocazione provvisoria: sarà spostata alla Cittadella Galileiana

Taglio del nastro questa mattina per la statua dedicata a Galileo Galilei in Largo Ciro Menotti, nel cuore della città della Torre. L’opera, una scultura in bronzo su basamento in marmo che raffigura il grande scienziato pisano, è provvisoriamente posizionata all’ingresso di Largo Ciro Menotti, ma troverà la sua collocazione definitiva all’interno della Cittadella Galileiana. La statua, che rappresenta il padre della scienza moderna intento nell’applicare il metodo scientifico basato sull’osservazione oggettiva della realtà, è stata donata al Comune di Pisa dagli autori Gabriele Vicari e Armando Barbon, ed è stata realizzata dalla Fonderia Artistica Versiliese di Pietrasanta, sotto la direzione artistica di Massimiliano Simoni di ARTITALY.

“Con quest’opera, donata dai due artisti Gabriele Vicari e Armando Barbon, che ringraziamo per il loro atto di generosità - dichiara l’assessore Pierpaolo Magnani - Pisa rende omaggio a Galileo Galilei, proseguendo un percorso di valorizzazione del grande scienziato pisano, già avviato con l’istituzione della Giornata Galileiana il 15 febbraio, giorno della sua nascita nel 1564, e del Concorso 'Galileo Galilei tra arte e scienza'. La scultura, che è adesso posizionata in Largo Ciro Menotti a pochi passi dalla casa natale del grande scienziato, dopo il Giugno Pisano troverà la sua collocazione definitiva nell’area dei Vecchi Macelli, alla Cittadella Galileiana, un polo museale dedicato alla divulgazione scientifica, dove, oltre al Museo degli Strumenti di Fisica, della Ludoteca Scientifica e del Museo degli Strumenti per il Calcolo, sorgerà anche il museo dedicato proprio a Galileo Galilei”.

Scheda descrittiva dell'opera

Il progetto è nato sotto la direzione artistica di Massimiliano Simoni e del brand ARTITALY. L’opera in bronzo è alta 260 cm per un peso di 350 kg e poggia su un basamento in marmo di Carrara di tonalità grigia, costituito da due blocchi di forma parallelepipeda di altezza 130 per 144 cm di larghezza massima e di peso 6 tonnellate. L’opera, che segue la tradizione dei monumenti celebrativi classici, raffigura il famoso scienziato pisano che con la mano sinistra sorregge un cannocchiale, strumento che costruì e perfezionò nei primi anni del XVII secolo e che si rivelò indispensabile per l’osservazione delle stelle e degli altri corpi celesti, mentre con la destra tiene un globo, a simboleggiare le grandi scoperte raggiunte da Galileo in campo astronomico. Ha lo sguardo rivolto verso il cielo, campo preferito delle sue ricerche, quasi ad esprimere la consapevolezza dell’importanza della ricerca scientifica e la speranza che il desiderio di conoscenza non venga mai soffocato da pregiudizi o ideologie.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali a Cascina: è ballottaggio tra Betti e Cosentini

  • Elezioni regionali Toscana 2020, le proiezioni: Giani in vantaggio

  • Incidente stradale davanti allo stadio a Pontedera: muore 30enne

  • Elezioni Regionali, Ceccardi sconfitta anche nella sua Cascina

  • Covid a scuola: due classi di licei pisani in quarantena

  • Covid a scuola: classi in quarantena nel pisano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento