Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca

Studenti Medi: mobilitazione per chiedere un'alternanza scuola-lavoro migliore

Raccolta firme lanciata in vari istituti pisani per chiedere più garanzie sulla qualità formativa e la coerenza con i percorsi didattici

E' iniziato oggi, 14 novembre, a Pisa e in Toscana, un percorso all'interno delle scuole per chiedere un'alternanza scuola-lavoro più giusta. Lo strumento è quello della raccolta firme, promossa dalla Rete degli Studenti Medi: "Sin dall'inizio del dibattito sulla 107/2015, la cosiddetta 'Buona Scuola' - si legge in una nota del sindacato studentensco - abbiamo espresso a gran voce l'esigenza di normare in maniera più precisa i percorsi di alternanza, fornendo delle garanzie a tutti gli studenti che affrontano questo tipo di formazione. La carta dei diritti delle studentesse e degli studenti in alternanza, che dal Ministero ha tardato ad arrivare lasciando per più di un anno gli studenti privi di tutele, si prospetta come un documento che non accoglie le rivendicazioni degli studenti: non si parla di gratuità dei percorsi, non si pongono limiti ai periodi in cui la scuola può mandare gli studenti in alternanza, non ci sono garanzie in merito ai controllo sulla qualità delle aziende che ospitano i giovani. Di fronte a queste mancanze, la Rete degli Studenti Medi intende partire con un percorso che, scuola per scuola, preveda l'approvazione di una Carta che tuteli gli studenti di ogni singolo istituto".

Parte così la mobilitazione: "Iniziamo con oggi a presidiare le nostre scuole chiedendo ai nostri compagni di firmare il nostro statuto. Abbiamo bisogno di legittimare la nostra rivendicazione per chiedere compatti un cambiamento radicale nelle nostre scuole: il 17 novembre, dopo giorni di raccolta firme, proporremo ai dirigenti scolastici la discussione e l'approvazione dello Statuto".

Matilde Collavini, coordinatrice della Rete degli Studenti Medi in città: "A Pisa saranno interessate diverse scuole come il liceo classico, l'artistico, lo scientifico e l'istituto Pacinotti. Con lo Statuto, i ragazzi della Rete degli Studenti Medi chiederanno, tra le altre cose, garanzie su formazione in materia di sicurezza, garanzie su qualità formativa e coerenza con i percorsi didattici, sul periodo in cui si potranno svolgere i percorsi di alternanza. E' inaccettabile che le ore di un percorso formativo come quello dell'alternanza vengano svolte nei giorni festivi o durante le sospensioni della didattica per le vacanze".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Studenti Medi: mobilitazione per chiedere un'alternanza scuola-lavoro migliore

PisaToday è in caricamento